Crostata frangipane senza glutine vegan cacao, albicocche e pistacchi per il progetto Fruit 24

Mi piacerebbe essere come l’acqua.

Ci hai mai pensato?

L’acqua scorre, si lascia scorrere. Se provi ad afferrarla, a stringerla tra le mani, riesce a sfuggire.

Si adatta. Impossibile colpirla, ferirla. Impossibile confinarla.

Ed ha forza, una forza incredibile. E dolcezza.

Come sono dolci le albicocche, frutto di stagione.

Proprietà delle albicocche

 

Stagione delle albicocche e proprietà

 

Buon apporto di fibre e poche calorie: le albicocche sono il frutto estivo più dolce e piacevole dal mangiare. La loro stagione inizia a partire da giugno e termina a luglio, per questo motivo, dobbiamo approfittarne ora: il loro colore arancio è motivato dalla presenza di betacarotene, utile per la pelle di chi si espone al sole. E poi, l’albicocca è ricca di antiossidanti, che sono in grado di arginare i danni dei radicali liberi.

Vitamina C, calcio, ferro e magnesio completano le proprietà delle albicocche, veri piccoli serbatoi di benessere.

Le albicocche in cucina

Non solo dolci e torte: le albicocche sono ottime al naturale, come spezza-fame a metà mattina o di pomeriggio. In ogni caso, grazie alle fibre contenute, hanno un alto potere saziante. Perfette per addolcire o decorare porridge o yogurt, le albicocche sono ottime anche in insalata. Ciò che è più importante è consumarle quando sono mature ma non molli, perchè perderebbero le proprietà nutritive.

Io ovviamente, ci ho preparato una torta, più precisamente una Crostata frangipane vegan con farine naturali senza glutine.

 

Crostata frangipane senza glutine vegan albicocche, cacao e pistacchi per Fruit 24

 

Crostata senza glutine vegan

 

La ricetta che voglio condividere con voi è una delle mie torte preferite, più precisamente una Crostata frangipane senza glutine e vegan.

Sul blog, infatti, trovate molte ricette di questo tipo, come le mini frangipane al cocco , la crostata lamponi e cioccolato con frangipane al cocco, la torta ai fichi con frangipane alle nocciole  e la torta di more con frangipane alle mandorle.

Dovete sapere che la crema frangipane è una crema a base di frutta secca, che va cotta in forno e che solitamente prevede burro e uova. Come sapete, non utilizzo burro nelle mie ricette e spesso neppure le uova. E il dolce di oggi non fa eccezione. E’ un dolce adatto ai celiaci, agli intolleranti e ai vegani, ma credo che tutti amerebbero mangiarne una fetta 😉

In questa occasione, ho preparato per la prima volta la crema frangipane con i pistacchi e devo dire che mi è piaciuta molto, in abbinamento con il cioccolato, poi, è ottima.

Ho pensato questo dolce per Fruit 24, un progetto realizzato da APO CONERPO -associazione italiana nel settore dell’ortofrutta  fresca- e sostenuto dall’Unione Europea, che intende focalizzare l’attenzione di tutti riguardo alla stagionalità e mira a incentivare il consumo di frutta e verdura.

Crostata per Fruit 24

Ho già realizzato per questo progetto una ricetta salata, la mia finta Pizza senza glutine, senza lievito e vegan, ricca d verdure di stagione.

E oggi tocca al dolce 🙂

Ora vi lascio alla ricetta della Crostata frangipane senza glutine vegan cacao, albicocche e pistacchi …perchè Senza è buono 🙂

Crostata frangipane senza glutine vegan cacao, albicocche e pistacchi

Crostata frangipane alle albicocche e cacao vegan

Ingredienti per 8 persone (dosi per una teglia da crostata di 24 cm di diametro)*

Per la base della crostata:

  • 60 gr di farina di ceci
  • 160 gr di farina di grano saraceno integrale
  • 10 gr di cacao amaro in polvere
  • vaniglia (essenza o semi di una bacca)
  • 20 gr di zucchero di cocco o di canna integrale
  • 4 gr di farina di semi di lino (si possono anche omettere)
  • 5 gr di polvere lievitante naturale composta da cremor tartaro e bicarbonato
  • 30, massimo 40 gr di acqua naturale fredda
  • 80 gr di olio di riso

Per farcire:

  • marmellata di mango e albicocche senza zuccheri aggiunti
  • 6 albicocche fresche
  • granella di pistacchi (o di mandorle)

Per la crema frangipane al cioccolato e pistacchi:

  • 160 gr di latte di cocco full fat (almeno al 60 % di cocco)
  • 80 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao
  • 90 gr di farina di pistacchio (oppure di mandorle)
  • 60 gr di farina di riso finissima
  • 40 gr di olio di riso o di mais

 

Per decorare:

  • sciroppo di riso
  • granella di pistacchi (o di mandorle)

 *In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio di contaminazione devono essere certificati senza glutine

Procedimento per preparare la Crostata frangipane senza glutine vegan cacao, albicocche e pistacchi

Tritate al coltello il cioccolato fondente e fatelo fondere a bagnomaria o nel microonde. Mettete da parte.

Preparate la frolla: versate la farina di grano saraceno quella di ceci, quella di semi di lino e il cacao setacciato in una ciotola. Mescolate. Unite lo zucchero. Infine, aggiungete l’olio, la vaniglia e l’acqua fredda poco alla volta. Forse non sarà necessario aggiungere tutta la quantità di acqua indicata. Iniziate a impastare con le mani, fino ad ottenere un composto sodo e non appiccicoso. Non aggiungete farina. Lasciate riposare l’impasto (avvolto in un panno pulito) in frigo per 15 minuti o in freezer per 10 minuti.

Nel frattempo, preparate la crema frangipane. Versate in una ciotola il latte di cocco e montatelo con le fruste elettriche per un paio di minuti, così da incorporare aria. Abbandonate le fruste elettriche e unite la farina di pistacchi e quella di riso e mescolate delicatamente con un cucchiaio e con movimenti dall’alto verso il basso per non smontare il compost. Aggiungete l’olio e il cioccolato fuso.

Riprendere la frolla dal frigo, stendetela non troppo sottile tra due fogli di carta da forno e ricavate il guscio della crostata frangipane. Bucherellate con una forchetta. Spalmate sulla base un velo di marmellata e disponete a raggiera le albicocche fresche tagliate a metà. Cospargete con granella di pistacchi. Ricoprite le albicocche con la crema frangipane al cioccolato e livellate.

Accendete il forno, regolatelo a una temperatura di 180 gradi e lasciatelo riscaldare. Infornate la crostata frangipane e lasciate cuocere per 40 minuti. Verificate la cottura con uno stecchino.

Lasciate raffreddare la crostata frangipane fuori dal forno. Spennellate la superficie con sciroppo di riso e decorate a piacere con granella di pistacchi.

Conservate la crostata frangipane in frigo e consumatela entro 4 giorni.

 

Se vi va di scoprire altre ricette di stagione, vi aspetto sul sito di Fruit 24.

 

Crostata frangipane vegan senza glutine

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

4 Commenti

  • Rispondi
    GIULIA
    19 luglio 2018 a 9:25

    il dolce è bellissimo e di sicuro buonissimo:D

    • Rispondi
      Senza è buono
      3 agosto 2018 a 13:21

      Ma grazie! Ti abbraccio forte

  • Rispondi
    Elena
    19 luglio 2018 a 23:00

    Buonasera, nella ricetta non trovo la quantità di olio da aggiungere alla frolla. Mi sbaglio?
    Grazie e… complimenti davvero per la raffinatezza e l’originalità del Suo blog.
    Mi piacerebbe sapere, quando ha tempo e voglia, come ha iniziato e come studia le Sue combinazioni.

    • Rispondi
      Senza è buono
      28 luglio 2018 a 18:02

      Carissima Elena,
      grazie per i bellissimi complimenti e per la segnalazione, ho provveduto a comunicare le quantità di olio al sito di Fruit 24 e la mia referente ha corretto. Ora trova la ricetta completa 🙂 Per quanto riguarda il resto, ho iniziato a cucinare dolci da piccolina 🙂 sono sempre stata golosa! Le combinazioni di ingredienti nascono dalla mia creatività, da quello che ho in frigo e dal mio gusto personale. Non azzardo mai abbinamenti troppo estremi, perchè sono molto tradizionale in questo senso 😉 Un abbraccio grande e grazie per il commento :-*

    Rispondi

    - Disclaimer -

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

    Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.