Muffin senza zuccheri aggiunti con fragole e cacao senza glutine senza latticini

Cosa significa senza zuccheri aggiunti? Che differenza c’è tra zucchero e dolcificanti? Quando vai al supermercato, spesso ti ritrovi a leggere mille etichette e il risultato è solo una gran confusione in testa. Certe diciture sono una vera giungla, non trovi?

Oggi proverò a far luce su questi argomenti e a rispondere ai tuoi dubbi.

E, se avrai pazienza di arrivare fino alla fine, troverai la ricetta dei muffin senza zuccheri aggiunti, senza glutine e senza latticini.

Tipi di zucchero: dai dolcificanti naturali a quelli artificiali

muffin fragole e cacao senza glutine (farine naturali)

Conoscere i tipi di zucchero presenti in comercio ti aiuterà nella preparazione delle ricette e nella scelta più sana. Devi sapere ogni dolcificante avrà una resa diversa e un gusto particolare.

Iniziamo dal prodoto più discusso, lo zucchero bianco semolato, in granella, o a velo. Questo prodotto è il più raffinato che apporta unicamente energia pronta all’uso. Nient’altro. Utilizzato in pasticceria per tutte le preparazioni, a partire dalle meringhe fino alla pasta frolla, lo zucchero bianco è processato attraverso trattamenti industriali che implicano l’impiego di sostanze di origine animale, ecco perchè chi segue un’alimentaizone vegana evita questo ingrediente.

Anche quello di canna, nonostante il suo colore ambrato è saccarosio puro.

Lo zucchero integrale muscovado è un tipo di zucchero dal colore molto scuro, che non ha subito processi di raffinazione, quindi tutti i principi nutrizionali restano inalterati. Il suo sapore è intenso, caramellato. Si presta soprattutto alla preparazione di brownies e cookies.

Lo zucchero di cocco è uno zucchero integrale non raffinato che contiene sali minerali e vitamine. Il suo sapore è caramellato, molto simile allo zucchero di canna integrale. Io ci preparo praticamente di tutto 🙂

Un’altra famiglia di zuccheri è rappresentata dai dolcificanti naturali. Ma non ti far convincere dalla dicitura “naturali”. Si tratta sempre di zuccheri, che vanno consumati con moderazione. Di questa famiglia fanno parte il fruttosio, il succo di mela concentrato, il miele, il sorbitolo, l’eritritolo e la stevia. Quest’ultimo dolcificante, ad esempio, è consigliato per chi soffre di diabete, ma il suo consumo deve essere limitato a 4 mg per peso corporeo, perchè se assunta in dosi elevate può causare disturbi intestinali, ipotenzione e ipoglicemia. Il suo retrogusto di liquirizia non si sposa con tutti i dolci.

I dolcificanti artificiali, invece,sono l’acesulfame K, l’aspartame e il sucralosio, caratterizzatidall’assenza di calorie e spesso presenti nelle gomme da masticare e nelle caramelle. Presta molta attenzione al consumo dei dolcificanti artificiali, perchè possono causare reazioni allergiche ed emicrania.

Ovviamente, a livello industriale, l’impiego degli zuccheri o dei dolcificanti, implica una diversa indicazione sull’etichetta.

Sugarfree, senza zucchero e senza zuccheri aggiunti: facciamo chiarezza

Riguardo alle diverse diciture sul contenuto degli zuccheri, esiste un regolamento europeo. I cibi e le bevande devono riportare precise indicazioni, a seconda del contenuo.

  • Quando leggi “senza zucchero”, significa che il prodotto contiene al massimo 0,5 grammi di zuccheri ogni 100 gr di prodotto.
  • “A basso contenuto di zuccheri” è l’indicaizone di tutti quei prodotti che contengono 5 grammi di zuccheri ogni 100 grammi di prodotto.
  • Se invece leggi “a ridotto contenuto di zuccheri”, significa che quel prodotto contiene il 30% in meno di zucchero rispetto a prodotti dello stesso tipo.
  • Infine, “senza zuccheri aggiunti” non si riferisce al contenuto naturale di zuccheri, ma indica solo che il prodotto non è addizionato di zuccheri come glucosio, saccarosio, miele, agave, succo concentrato di mela… Molti succhi di frutta, ad esempio, riportano questa dicitura e il regolamento europeo in materia consiglia di aggiungere “contiene naturalmente zuccheri”.

Questo è quanto richiede il regolamento europeo, tuttavia, fai sempre attenzione e leggi le etichette, perchè molti cibi indicati come senza zuccheri, a basso contenuto di zuccheri e a ridotto contenuto di zuccheri vengono spesso dolcificati con edulcoranti.

Attenendomi al regolamento europeo, dunque, io, quando parlo di ricetta senza zuccheri aggiunti, parlo di un dolce che contiene solo zuccheri della frutta. Come nella ricetta di oggi, dolcificata solo con albicocche disidratate e succo di frutta. Una ricetta semplice e veloce da preparare, golosa al punto giusto, grazie alla presenza di cacao e cioccolato e ben bilanciata.

I muffin senza zuccheri aggiunti, infatti, contengono le proteine e i grassi delle uova e i carboidrati della farina di riso. La loro consistenza sarà compatta, non soffice come i classici muffinl, a causa della presenza della purea di fruta disidratata.

Il procedimento per preparare queste tortine natuiralmente dolci è molto semplice e veloce, basta un mixer e i muffin in pochi minuti saranno pronti da infornare.

Ho decorato con una fragola intera e del cioccolato fondente tritato, ma è possibile omettere le fragole o sostituirle con altra frutta di stagione.

Nelle note troverai anche l’opzione senza uova, che secondo me è davvero interessante 😉

Ora ti lascio alla ricetta dei muffin senza zuccheri aggiunti, senza glutine esenza latticini…perchè Senza è buono 🙂

Muffin senza zuccheri aggiunti con fragole e cacao senza glutine

muffin senza zuccheri aggiunti

Ingredienti*

(per circa 4 muffin-dipende dalla grandezza delle formine)

  • 60 gr di farina di riso
  • 25 gr di fecola
  • 8 albicocche disidratate
  • 100 gr di succo di frutta** (oppure latte vegetale)
  • 30 gr di olio
  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
  • essenza di vaniglia
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • fragole fresche
  • cioccolato fondente tritato q.b.

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio devono essere certifiati senza glutine

Procedimento

2 ore prima lascia in ammollo le albicocche disidratate nel succo di fruta (o nella bevanda).

Versa le albicocche con il succo nel mixer, aggiungi l’uovo e l’olio e frulla fini ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungi cacao, farina, fecola, essenza di vaniglia e lievito e frulla ancora.

Versa 1 cucchiaio di impasto nei pirottini per muffin, disponi al centro 1 fragola fresca lavata e asciugata e aggiungi un po’ di impasto, facendo in modo da non ricoprire completamente la fragola. Decora con cioccolato fondente tritato. Continua così con gli altri muffin, fino ad esaurimento dell’impasto.

Cuoci i muffin senza zuccheri aggiunti e senza glutine in forno a 180 gradi per 15-20 minuti.

Consigli e varianti

Al posto dell’uovo, puoi mettere 50 gr di banana schiacciata. I muffin diventeranno vegan.

Puoi sostituire le albicocche disidratate con uvetta, dateri, fichi secchi o prunghe disidratate.

Al posto del cacao, prova la polvere di carruba, un surrogato del cacao, naturalmente dolce.

Se non ti piaciono le fragole, puoi sostituirle con altra frutta fresca di stagione.

 

** per questa ricetta ho usato il buonissimo succo di frutta Skipper Zuegg senza zuccheri aggiunti, un prodotto certificato senza glutine che ho trovato nella Degustabox del mese. Se volessi acquistarla a un prezzo scontato, prima di concludere l’ordine, usa il codice

6S7N3

P.S. Ami la colazione fatta in casa? Cerchi ricette con ingredienti semplici e facilmente reperibili? Io resto a casa e cucino è l’e-book perfetto per le tue esigenze!

Ben 10 ricette senza glutine (con farine naturali) e senza latticini facilissime da realizzare, a base di ingredienti che tutti abbiamo in casa. E puoi acquistarlo a un prezzo incredibile: solo 1,90 euro!

Quali ricette troverai? Torte soffici, biscotti proteici e crostate vegan tutte a base di farine naturali senza glutine.

Acquistalo subito sul mio shop online! Il procedimento è semplicissimo (Come acquistare?).

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Non ci sono commenti

Rispondi

- Disclaimer -

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.

0
Your Cart
  • No products in the cart.