Pizza in padella senza glutine (ricetta veloce)

da Senza è buono
pizza in padella ricetta senza glutine e vegan condita con ortaggi e pesto vegan

Prima che terminino i meravigliosi ortaggi estivi, prepariamo insieme una buonissima pizza senza glutine in padella!

La ricetta che condivido con te oggi è una ricetta salata senza glutine e vegan, una pizza senza lievitazione perfetta per tutte le volte che hai una voglia improvvisa di pizza ma non hai tempo o voglia di aspettare la lievitazione. Quindi si tratta di una pizza leggera e veloce da preparare

Pizza in padella senza glutine

fette di pizza in padella senza glutine e vegan, ricetta facile e veloce

Questa ricetta salata senza glutine è nata per caso. Avevo dei meravigliosi ortaggi estivi in frigo che dovevo consumare: melanzane, zucchine, peperoni e pomodorini. E poi avevo del pesto di basilico congelato. Avrei potuto condirci della pasta, ma poi mi è venuta in mente l’idea di preparare una pizza veloce senza glutine. Dopo averla assaggiata, ci è piaciuta così tanto che non potevo non condividerla!

Per preparare una pizza senza glutine in padella con un bel cornicione soffice, avrai bisogno di 2 farine naturalmente prive di glutine:

  • farina di riso integrale
  • farina di ceci. 

Inoltre, poichè si tratta di una pizza senza lievito e senza lievitazione, per conferire all’impasto la giusta consistenza, è importante usare del lievito istantaneo non vanigliato o per ricette salate, oppure del cremor tartaro e del bicarbonato. 

Infine, l’ingrediente magico: la cuticola di psillio.

Cos’è la cuticola di psillio?

La cuticola di psillio è un addensante naturale. Ha la funzione di “simulare” la maglia glutinica, quindi è un ingrediente indispensabile quando prepari ricette a base di farine naturali senza glutine, come pizza, pane e pasta. Questi impasti, infatti, necessitano di elasticità che le farine naturali senza glutine, da sole, non possiedono.

Perchè devo usare la cuticola di psillio in questa ricetta?

Perchè stiamo preparando una pizza senza lievitazione, un prodotto che ha bisogno di elasticità e che non deve risultare secco, ma soffice. Quindi, è necessario usare un addensante come la cuticola di psillio, che conferisce la giusta struttura all’impasto.

Come posso sostituire la cuticola di psillio?

Non è possibile sostituirla. Cioè, esistono anche altri addensanti come xantano e guar e puoi usarli ma non otterrai esattamente lo stesso risultato. La cutitola di psillio, infatti, conferisce all’impasto non solo elasticità, ma anche una consistenza soffice (che dura per giorni!). Quindi il mio consiglio è: procurati lo psillio. Ormai è facile trovarlo online. E diventerà il tuo migliore alleato, quando preparerai pizza, pane e pasta senza glutine.

Se volessi approfondire questi argomenti, puoi sfogliare la mia guida ricca di consigli e indicazioni su farine naturali senza glutine, dispensa senza glutine e addensanti:

Ora, torniamo a noi. L’impasto della pizza in padella si prepara in due minuti di orologio ed è subito pronto per essere steso con le mani, esattamente come la classica pizza. Io ho scelto di condirla con pesto di basilico, ortaggi stufati e mozzarella vegana, ma tu puoi condirla come desideri. Nelle note ti lascio qualche suggerimento.

Ora ti lascio alla ricetta della pizza in padella senza glutine...perchè Senza è buono 🙂

Pizza in padella senza glutine senza lievito: la ricetta

 

fetta di pizza in padella senza glutine

Ingredienti (dosi per 1 pizza in padella da 22 cm)

  • 100 g di farina di riso integrale
  • 50 g di farina di ceci
  • 15 g di cuticola di psillio in polvere
  • 150-170 g di acqua*
  • 5 g di olio
  • sale
  • 1 cucchiaino di lievito per salati 

per farcire:

  • 1 melanzana piccola
  • 1/2 cipolla
  • 1 zucchina piccola
  • 4-5 pomodorini
  • 1 peperone piccolo
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale q.b.
  • qualche cucchiaio di pesto di basilico vegan
  • formaggio vegan q.b.

Procedimento

Cuoci le verdure: pulisci e taglia a pezzettini melanzane, zucchine, peperoni, pomodorini e cipolla, versa in una pentola, aggiungi sale, olio e copri con il coperchio. Accendi il fornello al minimo e lascia scaldare la pentola. Aggiungi qualche mestolo di acqua e continua la cottura, finché tutte le verdure saranno diventate morbide. Metti da parte.

Setaccia le farine in una ciotola (se desideri, puoi tostare la farina di ceci in padella per 10 minuti a fiamma bassissima, mescolando spesso. Una volta fredda, puoi usarla), aggiungi la cuticola di psillio in polvere, il lievito, il sale e mescola. Unisci l’olio evo e l’acqua poco alla volta: la quantità indicata può variare, perché dipende dalla marca di farina utilizzata e dal grado di umidità dell’ambiente. Dovrai ottenere un impasto morbido, non appiccicoso. 

Ritaglia della carta da forno della stessa dimensione della padella, disponila nella padella e stendi l’impasto della pizza con i polpastrelli, iniziando dal centro: formerai così un bel cornicione. Puoi ungerti le mani con un po’ di olio evo per stenderla più facilmente.

Condisci la pizza in padella con pesto di basilico vegan (il mio era fatto in casa e surgelato), verdure cotte e copri con il coperchio. Accendi il fornello a fiamma bassa e lascia cuocere la pizza in padella per 12-15 minuti. Controlla la cottura. Decora la pizza con la mozzarella vegan e lasciala sciogliere per altri 3-4 minuti. 

Consigli 

conserva la pizza in padella in un contenitore ermetico e prima di consumarla, riscaldala brevemente in padella: tornerà soffice come appena preparata.

Idee per condirla:

  • hummus di ceci e funghi spadellati
  • hummus di lenticchie e spinaci in padella
  • pesto di basilico, peperoni e cipolla
  • pesto di lattuga e zucchine stufate
  • sugo di pomodorini, olive e formaggio veg
  • crema di zucca e funghi
  • patè di olive, zucchine e formaggio veg

P.S. Sai che ho realizzato una serie di e-book? E non sono solo dedicati alla colazione, ci sono anche i menù senza glutine e vegan, con tante idee e ricette sane  inedite da realizzare, dall’antipasto al dolce, tutte a base di farine naturali senza glutine.

Corri a dare un’occhiata:

 

Stampa o salva PDF della ricetta

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento