Non ho più certezze. Waffle senza glutine senza burro

Se penso alla me di qualche anno fa, avevo molti punti fermi. Ero convinta che non avrei mai amato la mia città e che non sarei più tornata. Ero certa che non sarei mai andata in palestra perché mi annoiava solo il pensiero. E poi, ero convinta che gli abbracci non facessero per me. 

La colazione? Pensavo di saltarla a vita.

E invece, ora. Ora di certezze non ne ho così tante.

Perché so che la mia città non è poi così male. Che la palestra mi fa bene. E gli abbracci ancora di più. E poi ho scoperto che colazione mi piace farla. Dolce. Colorata. Alternativa.

Gaufre o waffle, le differenze

Uova, latte, burro, farina e lievito di birra sono gli ingredienti principali delle cosiddette gaufre, cialde di origine europea, più precisamente del Belgio. Qui, le gaufre sono di due tipi diversi. Quelle tipiche di Bruxelles sono rettangolari e poco dolci e vengono spolverate con zucchero a velo, o accompagnate con panna montata o gelato, o con pietanze salate come pesce, uova e carne. Le gaufre di Liegi, invece, sono molto più dolci e si mangiano senza alcun accompagnamento.

In Abruzzo, queste cialde diventano sottili e croccanti e si chiamano ferratelle o neole (che io ho preparato  tempo fa in versione senza glutine). Contengono solo uova, farina e zucchero e si preparano con la classica piastra da mettere sul fornello a gas, come da tradizione (anche se oggi esistono le pratiche piastre elettriche proprio come per i waffle, ma hanno meno spessore).

In America, invece, queste cialde si chiamano waffle, e sono più simili alle ferratelle. Sono più sottili e meno gonfie delle gaufre, perché non contengono lievito di birra, ma lievito  chimico. Anche la modalità di preparazione di queste due cialde è diversa: l’impasto delle gaufre dovrà riposare per lievitare, i waffle invece si possono cuocere immediatamente sulla classica piastra, che darà ai waffle la classica forma goffrata (ovvero a grata). La consistenza sarà meno soffice delle gaufre.

Dopo aver scelto quale cialda preparare, dovrete pensare al topping. E qui potete veramente dare spazio alla fantasia, perchè è possibile acompagnare le cialde con confettura, nocciolata, o burro da frutta secca. Ma anche frutta fresca, cioccolato e sciroppo di acero.

Waffle senza glutine e senza burro: la mia versione

Waffle ricetta senza glutine e lattosio

Come sempre, qui trovate la mia versione delle cialde americane, sicuramente più veloci da preparare perchè senza lievito di birra. Io ovviamente, ho eliminato il burro, il glutine e il latte.

Dunque, contengono uova. Ma se volete provare la versione anche senza uova, qualche tempo fa ho preparato i waffle vegan senza glutine.

Per preparare i waffle senza glutine senza burro ho scelto di usare farine naturali come quella di quinoa e l’amido di tapioca. Quest’ultimo ingrediente è indispensabile per ottenere un prodotto finale soffice.

Avevo del latte di cocco già aperto e ho scelto di usare quello, ma voi potete sostituirlo con qualsiasi altra bevanda vegetale.

Ora vi lascio alla ricetta dei Waffle senza glutine senza burro con farine naturali…perchè Senza è buono 🙂

Waffle senza glutine senza burro (con farine naturali)

 

Ricetta waffle morbidi senza glutine e lattosio

Ingredienti*

  • 4 uova grandi
  • 40 gr di latte di cocco (o altro latte vegetale a scelta)
  • 40 gr di olio di riso o di mais (o evo delicatissimo)
  • 140 gr di farina di quinoa
  • 30 gr di amido di tapioca
  • 35 gr di sciroppo di agave (o acero o miele di acacia, a scelta)
  • essenza di vaniglia o semini di mezza bacca
  • mezza bustina di lievito vanigliato per dolci oppure 4 gr di bicarbonato e 4 gr di cremor tartaro

Per decorare:

Frutti di bosco misti

oppure:

  • confettura e granella di frutta secca a piacere

*in caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio di contaminazione devono essere certificati senza glutine

Procedimento per 6 waffle senza glutine senza burro grandi

Preparate la decorazione: setacciate il cacao, unite il dolcificante scelto a piacere e aggiungete l’acqua un cucchiaio alla volta, mescolando, fino ad ottenere una crema liscia, non troppo liquida. Se non dovesse essere necessaria tutta l’acqua, non aggiungetela.

Preparate i waffle senza glutine senza burro. Separate i tuorli dagli albumi. Montate i tuorli con lo sciroppo di agave (o di acero, o con il miele se vi piace) e la vaniglia. Unite le farine a cucchiaiate, alternandole con olio e latte vegetale. Aggiungete anche il lievito.

In un’altra ciotola montate gli albumi a neve ferma e uniteli al composto, mescolando con movimenti dal basso verso l’altro per non smontare l’impasto.

Fate riscaldare la piastra elettrica, spennellatela con un pizzico di olio e versate qualche cucchiaio di composto. Chiudete la piastra e lasciate cuocere i waffle per qualche minuto. Estraeteli delicatamente con una spatola in silicone e continuate fino ad esaurimento.

Disponete i waffle su un piatto da portata e decorate con la cremina light al cacao e frutti di bosco o confettura a piacere e granella di frutta secca.

Varianti e consigli:

Potete scegliere il topping che volete per decorare i waffle senza glutine. Se cambiate le farine, avrete un altro risultato e soprattutto dovrete regolarvi voi con la quantità di liquido. La pastella deve essere abbastanza liquida. Con questa ricetta potete preparare anche dei pancake senza glutine (se non avete la piastra per waffle) .

Conservate i waffle senza glutine in un contenitore ermetico. La mattina, prima di mangiarli, vi consiglio di riscaldarli brevemente in forno, così torneranno soffici e come appena fatti.

 

waffle ricetta per celiaci e intolleranti al lattosio

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Non ci sono commenti

Rispondi

- Disclaimer -

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.