7 luglio, Giornata mondiale del cioccolato. Torta mousse al cioccolato vegan senza glutine

Fuso, temperato, in gocce, in scaglie o in riccioli. Ganache, mousse, crema. Bianco, fondente o al latte, con o senza zucchero. Sto parlando, ovviamente, dei mille volti del cioccolato, l’ingrediente che domenica 7 luglio verrà celebrato con una giornata mondiale dedicata. La data non è stata scelta a caso. Tutto è correlato con la storia del cioccolato.

Origini e storia del cioccolato

Il cioccolato ha una storia antica, che risale alla notte dei tempi. Per i Maya i semi di cacao venivano offerti agli dei ed erano simbolo di fertilità e vita. Gli Aztechi, invece, utilizzavano il cioccolato come moneta e, quando non la spendevano, lo polverizzavano e lo trasformavano in una bevanda arricchita di farina di mais e peperoncino.

Nel Cinquecento, il cioccolato arrivò in Spagna: la bevanda, per la prima volta, venne zuccherata ed era riservata solo alla nobiltà spagnola. Ma il suo viaggio non era ancora terminato. Anche i francesi e gli inglesi conobbero il sapore paradisiaco di questa bevanda. E solo dopo la metà del Settecento, il cioccolato giunse negli Stati Uniti, dove venne aperta la prima fabbrica.

Allora, il cioccolato era consumato ancora come una bevanda, fino al 7 luglio 1847, quando il cioccolatiere inglese Joseph Fry scoprì che mescolando polvere di cacao, burro di cacao, latte e zucchero e lasciando indurire il composto, si otteneva una tavoletta deliziosa. Era la prima barretta di cioccolato. E, da allora, il cioccolato divenne cibo da gustare da solo o come base di altre preparazioni di pasticceria.

Ma perché il cioccolato non dovrebbe mai mancare nella dieta?

Proprietà del cioccolato

Il cioccolato migliore dal punto di vista nutrizionale, è, ovviamente, quello fondente, almeno al 70% di pasta di cacao. Maggiore sarà la quantità di pasta si cacao contenuta, migliore sarà la qualità, inferiore sarà il contenuto di zucchero aggiunto. Il cioccolato al latte e quello bianco contengono maggior quantità di grassi e zuccheri. Di conseguenza, questi tipi di cioccolato dovrebbero essere evitati da chi è a dieta o soffre di diabete, al contrario, il fondente è consigliabile, ma in quantità moderate. Ricordiamo, infatti, che ogni 100 grammi (1 tavoletta), il cioccolato fondente contiene dalle 550 alle 600 calorie.

Tra i micronutrienti presenti, ci sono ferro, magnesio, rame e manganese, ma anche i preziosi polifenoli, sostanze che aiutano a prevenire l’azione ossidativa dei radicali liberi, i problemi cardiovascolari, il diabete e l’osteoporosi. Un quadratino di cioccolato fondente (non di più!) di ottima qualità al giorno sarebbe più che sufficiente.

Se volessimo gustarlo in cucina, ci sono moltissime ricette che lo vedono protagonista, dalle più classiche alle ricette più particolari.

Ricette con il cioccolato

Biscotti viall food per celiaci

 

Non solo cookies, torte soffici da colazione, muffin , crostate farcite, torte cremose  e tortine. Il cioccolato si abbina a ingredienti come la frutta, i legumi (ricordi i brownies proteici di Marica  che ti ho proposto tempo fa?) e il caffè (hai già visto la ricetta dei miei biscotti con fondi di caffè e cioccolato?) e, volendo osare, anche a ingredienti impensabili.

Nella mia lista degli abbinamenti da provare ci sono:

  • Avocado e cioccolato. L’avocado è un frutto che ha la consistenza del burro e sostituisce alla perfezione quest’ultimo nelle ricette da forno;
  • Barbabietola e cioccolato. Lo ammetto, mi manca ancora un po’ di coraggio, ma dicono che il sapore del cioccolato si sposi benissimo con il gusto della barbabietola.
  • Pasta fatta in casa. Adoro preparare la pasta senza glutine fatta i casa, ma non l’ho mai aromatizzata con il cacao.
  • Cavolfiore e cioccolato. Qui bisogna essere proprio coraggiosi, eppure in America sono molte le ricette delle colleghe foodblogger che presentano questo abbinamento: ammetto che mi incuriosisce moltissimo.

La mia ricetta per celebrare la Giornata Mondiale del cioccolato

 

Se mi segui da un po’, conosci bene la mia passione per il cioccolato. E quale occasione migliore se non la Giornata mondiale del cioccolato per preparare un dolce a base di questo ingrediente che amo?

Il dolce che condivido con te oggi è un dessert molto goloso, una torta mousse al cioccolato senza glutine vegan, un tripudio di cioccolato fondente, che renderà felici i veri intenditori del cioccolato.

Tre sono le preparazioni di questo dolce:

1.una base croccante di biscotti;

  1. una crema vellutata con anacardi e cioccolato fondente;
  2. una mousse al cioccolato.

Ma procediamo con ordine.

La base è ottenuta frullando semplicemente i buonissimi frollini Gocce Viall Food. Sono biscotti senza glutine, certificati per celiaci, che non contengono latticini né uova. Sai cosa mi piace di questa azienda? Mi piace la selezione degli ingredienti utilizzati. E mi piace l’attenzione nei confronti delle varie intolleranze. Prima di preparare la base della torta mousse al cioccolato, ovviamente, ho provato questi biscotti e sono rimasta piacevolmente sorpresa: il profumo di vaniglia che sprigionavano era inebriante e la consistenza si scioglieva in bocca. Non sembravano frollini senza glutine. Te li consiglio, devi provarli!

Il secondo strato della Torta mousse al cioccolato è una semplicissima crema di anacardi, ottenuta frullando gli ingredienti. Gli anacardi devono essere messi in ammollo la sera prima, solo così si trasformeranno in una crema vellutata.

Infine, la mousse di cioccolato. Penserai sia impossibile preparare una mousse senza uova, e invece è possibile, anche grazie a un ingrediente segreto, l’acquafaba, l’acqua di governo dei ceci. Ti consiglio di tenerla in frigo per almeno un giorno, così monterà perfettamente. Io utilizzo l’acqua di governo dei ceci conservati in vetro. Una volta montata, l’acquafaba è simile alla meringa. Basterà incorporare con delicatezza gli altri ingredienti e ottenere una mousse che in frigo prenderà ancora più consistenza. Ti assicuro che è la torta più buona mai mangiata! Richiede solo qualche accortezza in più ma nulla di complicato.

Ora ti lascio alla ricetta della Torta mousse al cioccolato senza glutine vegan…perché Senza è buono J

 

Torta mousse al cioccolato vegan senza glutine

 

Torta mousse al cioccolato senza glutine

Ingredienti per uno stampo a cerniera da 20 cm di diametro

Per la base:

  • 200 gr di Gocce Viall food
  • 10 gr di cacao amaro in polvere
  • 20 gr di olio (di riso o di mais)

Per il primo ripieno

  • 150 gr di anacardi al naturale
  • 100 gr di latte di cocco full fat al 60% (prelevato da una lattina che avrai tenuto almeno una notte in frigo)
  • essenza naturale di vaniglia (oppure i semi di mezza bacca di vaniglia)
  • 90 gr di cioccolato fondente di ottima qualità

Per la mousse al cioccolato vegan senza glutine

  • 90 ml di acquafaba (acqua di governo dei ceci conservati in vetro, lasciata in frigo per 1 giorno)
  • 100 ml di latte di cocco full fat (almeno al 60% di cocco, prelevato da una lattina che avrai tenuto almeno una notte in frigo)
  • 125 gr di cioccolato fondente di ottima qualità

Per decorare:

  • cacao amaro in polvere q.b.
  • lamponi
  • foglie di menta fresca

Procedimento

Il giorno precedente alla preparazione della torta mousse al cioccolato, saranno necessarie alcune semplici operazioni:

      1. scola i ceci in vetro e preleva l’acquafaba, mettila in un contenitore e lasciala riposare in frigo per almeno 24 ore;
      2. metti anche la lattina di latte di cocco in frigo per almeno 24 ore, così la parte grassa si separerà dall’acqua;
      3. versa gli anacardi in una ciotola, aggiungi acqua naturale fino a coprirli del tutto e lasciali ammorbidire per 12 ore.

Il giorno successivo, prepara la base: metti nel mixer i biscotti, aggiungi il cacao e trita fino a trasformare tutto in polvere. Aggiungi l’olio e mescola.

Fodera uno stampo rotondo dotato di cerchio apribile con carta da forno e versa lo strato di biscotti, formando la base della torta mousse al cioccolato. Metti a rassodare in frigo.

Prepara la crema di anacardi e cioccolato: sciogli a bagnomaria il cioccolato fondente previsto per la crema di anacardi. Lascia intiepidire. Scola gli anacardi, versali in un mixer, aggiungi l’essenza di vaniglia, il latte di cocco (la parte grassa prelevata dalla lattina messa in frigo per 24 ore) e frulla, fino ad ottenere una crema liscia e omogenea. Ti consiglio di frullare facendo delle pause, per evitare di surriscaldare il motore. Aggiungi il cioccolato fondente fuso e mescola. Versa la crema ottenuta sulla base che ormai si sarà rassodata. Riponi in frigo.

Prepara la mousse al cioccolato vegan:

Trita finemente il cioccolato fondente, versalo in un pentolino, aggiungi la parte solida del latte di cocco (prelevata dalla lattina lasciata in frigo per 24 ore) e metti a sciogliere a bagnomaria senza mai mescolare: aspetta che la maggior parte del cioccolato si sia sciolta per mescolare il composto. Non far bollire l’acqua del pentolino, altrimenti il cioccolato impazzirà. Metti da parte.

Versa l’acquafaba nella ciotola della planetaria (o in una ciotola dai bordi alti) e con le fruste elettriche monta a neve, propri come si fa con gli albumi. Saranno perfettamente montati quando capovolgendo la ciotola, rimarranno fermi. A questo punto, verifica che il composto di latte di cocco e cioccolato si sia raffreddato (deve essere più freddo della temperatura corporea). Incorpora l’acquafaba al composto, aggiungendo un paio di cucchiai per volta e mescolando con movimenti delicati dal basso verso l’alto. Versa il composto sulla crema di anacardi e cioccolato e riponi in frigo per almeno 3 ore.

Riprendi dal frigo la torta mousse al cioccolato, estraila dalla teglia e disponila con delicatezza su un piatto da portata. Spolvera con cacao amaro e decora con lamponi e menta.

Consigli e varianti

Conserva la torta musse al cioccolato vegan senza glutine in frigo e consumala entro 2-3 giorni.

Puoi realizzare delle monoporzioni, da servire ai tuoi ospiti in occasione di una cena.

 

P.S. cliccando sul TAG “cioccolatoscoprirai tutte le mie ricette con questo ingrediente delizioso.

 

Mousse cake al cioccolato ricetta senza glutine

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Non ci sono commenti

Rispondi

- Disclaimer -

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.