Torta di mele “Happy CaLOWries” per una dolcissima amica e per il GFFD!

Torta di mele senza glutine e veganOggi torta di mele…ma una torta di mele speciale, perché tutta dedicata alla bravissima Stefania del blog Cardamomo & Co! Trovo che questa torta le somigli molto! Dolce quanto basta, delicata, semplice, ma con un sapore che ricorda i dolci raffinati di pasticceria… Stefania è proprio così! È una delle tante amiche che ho incontrato in questo modo virtuale. La conosco da poco tempo, ma ho capito che è una persona generosa e disponibile, una mamma adorabile con i suoi “pargoli”, una donna che crede nella famiglia e nell’amicizia. Siamo lontane geograficamente, ma un fil rouge ci unisce: la nostra passione per la cucina! Lei sa preparare alla perfezione ogni tipo di delizia, dal dolce al salato ed è bravissima con i lievitati senza glutine, cosa non da poco! Voi non lo sapete (perché non l’ho pubblicato) ma durante le vacanze di Natale, ho provato a realizzare il panettone a biga senza glutine con farine naturali che lei stessa ha postato sul suo blog, con tanti consigli e indicazioni precise…era il 30 dicembre e le ho chiesto via chat qualche ulteriore consiglio (sì lo so, sono una rompiscatole!!!)… e Stefania, prontamente, mi ha risposto… inutile dirvi che il panettone è venuto perfetto, ha riscosso un gran successo e noi per la prima volta abbiamo potuto mangiare un dolce natalizio senza glutine favoloso, grazie a lei!

Ma torniamo alla torta di mele. Tutto nasce da una raccolta della stessa Stefania, dal titolo Happy CaLOWries, ovvero una selezione di ricette a basso tenore calorico, perché, dopo le feste, si sa, bisogna rimettersi in carreggiata!!!

Happy CaLOWries

Ho visto che fino ad ora non ci sono ricette dolci e, poiché i dolci leggeri sono una mia specialità, ecco qui che ho creato questa torta. Non sarà un dessert da
Torta di mele senza glutine e vegan gourmet, ma fa la sua figura! Innanzitutto contiene la farina di riso integrale, che tiene bassa la glicemia; integrale è anche lo zucchero che ho usato, oltre al leggerissimo latte di riso (chi non ha problemi di linea, può usare anche il latte di nocciola o di mandorle). Ma non per questo si tratta di una torta “punitiva”, anzi! Il profumo delle mele renette (fondamentali!) e della farina di mandorle rende tutto molto goloso, ma senza sensi di colpa! La torta intera conta 2298,60 chilocalorie. Per una fetta di circa 100 grammi, le calorie diventano 23!

Si tratta di un dolce senza glutine, ma anche vegan a causa dell’assenza di uova e di latte (o derivati), quindi un dessert perfetto per celiaci, vegani e intolleranti a uova, lattosio, lievito, soia…perché Senza è buono!

…E visto che è venerdì, partecipo anche al mitico Gluten Free (fri)Day

Gluten Free (fri)Day

Torta di mele senza glutine e vegan

Torta di mele senza glutine

Per una teglia da 20 cm di diametro:

  • 150 gr farina di riso integrale certificata senza glutine
  • 50 gr di mandorle spellate e ridotte in farina
  • 2/3 mele renette (150 gr)
  • 200 ml di latte di riso senza zuccheri aggiunti o di nocciola (io ho usato Riso Naturale Provamel senza glutine e senza zuccheri aggiunti)
  • 100 ml olio di riso (o di mais)
  • 1/2 bustina di polvere lievitante già dosata e composta da cremor tartaro e bicarbonato ( io uso quello della Biovegan oppure Decorì, biologica e certificata senza glutine) o lievito per dolci certificato senza glutine
  • 60 gr uva passa
  • 100 gr di zucchero di canna integrale certificato senza glutine + un cucchiaio per la superficie

Inserire le mandorle e lo zucchero integrale nel mixer e ridurre tutto in farina. Mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida. Con le fruste elettriche “montare” il latte di riso (o di nocciola), incorporando aria, aggiungere l’olio a filo e continuare a “montare”. Unire la farina di riso setacciata con il cremor (o il lievito), le mandorle ridotte in farina con lo zucchero e continuare a lavorare il composto con le fruste elettriche. Aggiungere, infine, l’uva passa ben strizzata e le mele tagliate a cubotti. Amalgamare il tutto con una spatola senza smontare l’impasto. Versare in una tortiera oliata o rivestita con carta da forno e cospargere la superficie con un cucchiaio di zucchero: si formerà una crosticina irresistibile! Cuocere la torta di mele  in forno preriscaldato per 15-20 minuti a 180°. Verificare la cottura con uno stecchino.


Torta di mele senza glutine e vegan…ecco le foto della fetta..sofficissima! 🙂

Torta di mele senza glutine e vegan

creative wordpress theme

Commenti (18)

  • Questa torta è stratosferica, leggera e gustosa, cosa volere di più??
    Brava Leti!!!
    baciiiiii

    Rispondi
    • Dolce Manu!!!! Grazie!!!! Sei troppo buona!!!! E’ davvero una tortina semplice semplice!!! 🙂

      Rispondi
  • Mi fai arrossire! Che belle parole mi hai riservato <3
    E questa torta è la dimostrazione della tua bravura che con i tuoi tanti senza, è comunque con enorme sapore! E non da meno è senza sensi di colpa! Ovviamente la farò al più presto!!!

    Rispondi
    • Stefania carissima!!! Sei tu che fai arrossire me!! 🙂 Rispetto alle tue delizie, questa torta è semplicissima! Ma è perfetta per togliersi quella impertinente voglia di dolce durante le “diete”!! Ovviamente, fammi sapere se ti è piaciuta! 🙂

      Rispondi
  • torta splendida, per una bella persona.
    anzi, due belle persone: tu e stefania!

    Rispondi
    • Ciao Gaia!!! Grazie per essere passata!!! E grazie per i complimenti…sono commossa!!! Baci, Leti

      Rispondi
  • Questi sono i dolci che amo di più, semplici ma generosi e buno, intensamente buoni.
    Grazie per averlo dedicato al GF Friday

    Rispondi
    • Ciao Simonetta!!! Grazie per i complimenti…mi fai arrossire! A noi questa torta è piaciuta molto proprio per la sua semplicità, ma anche per il sapore divino! E’ sempre un piacere partecipare al Gluten Free (fri)Day!

      Rispondi
  • eh si, è proprio arrivato il momento di ringraziarti… perchè da quando ho scoperto di essere intollerante al lattosio (e dopo un po’ ho tolto anche il glutine dalla dieta) grazie a te sono riuscita a farmi dei dolcini da sola, e che mi piacciono anche molto. dici spesso che le tue ricette sono semplici, ed è proprio questo l’aspetto che rende il tuo blog davvero prezioso per chi, come me, non aveva dimestichezza con la cucina. e poi… le tue ricette vengono bene al primo colpo! cosa non molto comune da trovare…
    l’unica di quelle che ho provato che non riesco a fare bene è proprio questa torta di mele, ottima nel gusto, ma la mangio… col cucchiaino perchè mi si sbriciola. colpa delle mele? le renette non le trovo…
    io però me la faccio lo stesso perchè è proprio buona… grazie, mi hai salvato la colazione e la voglia di dolce :)))

    Rispondi
    • Ciao Elisa! Le tue parole mi riempiono il cuore di felicità! Sai, quando a settembre ho aperto il blog, era proprio questo uno dei miei obiettivi: aiutare e donare ricette a chi, come me, si trovava ad affrontare il disagio e la difficoltà di cambiare alimentazione e di rinunciare a determinati ingredienti! Quindi, piuttosto, sono io che ringrazio te, davvero! E sono molto contenta che tu abbia ritrovato “il piacere della colazione”!
      Per quanto riguarda la torta di mele, io la preparo spessissimo: trattandosi di un impasto senza uova e senza glutine, si sbriciola facilmente, ma noi riusciamo a mangiarlo a fette… forse la differenza risiede proprio nella tipologia delle mele utilizzate: le renette sono più asciutte e rilasciano meno acqua nell’impasto. Se non riesci a trovare le renette, posso consigliarti di metterne due, invece che tre nell’impasto. Altro consiglio: puoi provare a infarinare i cubotti di mela con un po’ di fecola o di farina di riso prima di buttarli nell’impasto… è un tentativo! Ovviamente, fammi sapere! 🙂 Un abbraccio grandissimo, Leti

      Rispondi
      • Non solo ho trovato il piacere della colazione grazie a te, ma anche la fiducia di riuscire a cavarmela con ingredienti “diversi”, e io già non avevo esperienza con quelli normali eheheh, Il tuo blog aiuta davvero, credimi. Sei pienamente riuscita nel tuo intento e sento che lo fai anche con tanta passione e altruismo…
        Proverò a infarinare i cubotti e ti farò sapere 🙂
        Un abbraccio a te e una splendida giornata :)))

        Rispondi
        • Ecco Elisa, mi fai piangere di nuovo! Grazie ancora! 🙂 Attendo tue notizie sulla tortina! Un bacione, Leti

          Rispondi
          • ahia… 🙂 volevo farti sorridere, non piangere! 🙂
            scherzo… quello che ho detto lo penso sul serio…
            per la torta, ho provato ieri a fare un’altra cosa che già avevo in mente di provare… ho messo una mela a cubotti e l’altra l’ho frullata… ha legato un po’ di più, questa volta la fetta regge meglio 🙂 ma alla fine chissenefrega se non mi lega, è buona e me la faccio lo stesso 🙂
            Ciao Leti, probabile che mi vedrai sortire in qualche altro tuo post, tanto i tuoi dolcini prima o poi li provo tutti o quasi.. Bacione

          • Cara Elisa, bravissima! Non avevo proprio pensato alla mela frullata, che, infatti, simula l’uovo nelle torte vegan! 🙂 come si dice… l’allievo ha superato il “maestro” (con mille virgolette, perchè io maestro proprio non mi sento, nè lo sono, anzi, ho tantissimo da imparare, soprattutto da voi!!!)… !!! Cara, sei sempre la benvenuta, per qualsiasi consiglio, dubbio o critica! Queste ultime, in particolare, se costruttive, mi fanno crescere e migliorare! Un bacione e a presto! 🙂

  • Ciao carissima! Mi presento,Sono Giorgia e sono una nuova lettrice del tuo blog! Io sono sempre stata molto attenta ad usare ingredienti naturali, cereali integrali, pochi zuccheri e grassi buoni… Insomma,sono appassionata di cucina e mi sono sempre impegnata nel renderla sana, ma anche fantasiosa! Da qualche tempo, mi sono accorta che il glutine mi crea dei fastidi non indifferenti, ho fatto un test ed il risultato ha confermato che potrei avere una predisposizione genetica alla celiachia. Argh,ho pensato! Eppure, vagando sul web, ho trovato il tuo blog e mi si è aperto un mondo! Per cui, volevo dirti che seguirò con affetto tutte le tue ricette, perché purtroppo la celiachia è vissuta come una limitazione,se non si hanno le giuste conoscenze per sostituire gli alimenti contenenti glutine con delle alternative. E quindi,grazie per le splendide idee che ci dai! In ultimo, volevo dirti che ho fatto una bella scorta di farine senza glutine e ieri sera ho preparato la tua torta di mele (che è sempre stata la mia preferita!) e stamattina,a colazione… Ero in estasi! Complimenti!! Un abbraccio! Gio

    Rispondi
    • Ciao Giorgia! Benvenuta! 🙂 Mi fa davvero piacere leggere che ci sono persone che, come me, amano scegliere con cura gli ingredienti e prediligono il cibo sano… insomma, persone che non vivono per mangiare, ma che si nutrono con consapevolezza! Capisco la tua difficoltà nel trovare le “ricette giuste”…anche io mi sono trovata in difficoltà, quando mia sorella ha iniziato a mangiare in modo “diverso” (e poi io l’ho seguita a ruota)…ma poi, piano piano, con la voglia di sperimentare che mi ha sempre contraddistinto, ho provato e riprovato e mi sono accorta che non è poi così difficile preparare un dolce o una pietanza salata con ingredienti sani e naturali! Infatti, tutte le mie ricette sono di una semplicità assoluta!
      Sono felicissima che la torta di mele ti sia piaciuta…anche io la preparo spessissimo (adoro le torte di mele) e mia sorella mi dice sempre che profuma di pasticceria 😉 ma lei è di parte!!!!! 🙂
      Se dovessi provare altre mie ricette, aggiornami, eh! E se hai bisogno di consigli, o spunti, mi trovi qui o su Facebook 🙂
      Se ti fa piacere, iscriviti alla newsletter mensile…così rimarrai sempre aggiornata (ogni tanto regalo anche mini raccolte di ricette in formato e-book) 🙂
      http://senzaebuono.altervista.org/newsletter/
      Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Ciao, due domande veloci:
    – Qual è la quantità di cremor/lievito da usare?
    – Per quante persone sarebbe questa torta?

    Grazie infinite in anticipo 😉

    Rispondi
    • Ciao Davide, benvenuto 🙂 Per questa torta, puoi usare mezza bustina di lievito vanigliato per dolci, oppure mezza bustina di polvere lievitante già dosata Decorì (cremor tartaro e bicarbonato), che è biologica e certificata senza glutine, non lascia retrogusti strani e funziona piuttosto bene con i dolci vegan. Questa torta viene bella alta in una teglia tonda da 20 cm di diametro, quindi va bene per 5-6 persone -dipende da quanto mangiano 😉 – Grazie per avermelo chiesto, ora corro ad aggiungerlo al post!
      Buona serata e se dovessi avere altri dubbi, sono qui 🙂 Leti

      Rispondi