L’insostenibile leggerezza… di una torta

Leggerezza non è esattamente sinonimo di superficialità.

La leggerezza d’animo è la filosofia di vita del viaggiatore, di quello vero, che parte con il cuore libero, senza fardelli da trascinarsi dietro. La leggerezza è un modo di essere e di affrontare il mondo. Leggerezza significa lasciarsi andare, sorridere più spesso e addormentarsi senza fissare per ore il soffitto, con la testa affollata di pensieri.

Io vorrei tanto essere pervasa da questa leggerezza. Vorrei pensare meno e agire di più, provare l’ebrezza di un istante folle. Ma non sono fatta così. Sono riflessiva. Mai stata impulsiva in vita mia. E sono abituata a ponderare sempre pro e contro. Sarei in grado di pensare tutto il pomeriggio, prima di prendere una decisione. Mi logoro letteralmente. È un difetto che mi porto dietro da sempre. Eppure, dicono che essere riflessivi sia l’essenza della maturità, dell’essere adulti.

In cucina, al contrario, prediligo la leggerezza. Anzi, questa volta, l’invisibile

Torta di mele invisibile

Ebbene sì, questa settimana inizia con un dolce particolare, la Torta di mele invisibile. Ogni tanto mi piace curiosare tra i blog stranieri e, poiché amo il francese, mi è capitato di navigare Oltralpe e di sbirciare su questo sito, che presentava, appunto, la Torta di mele invisibile, come una torta piena zeppa di mele. Invisibile perché, appunto, la torta non c’è. Ovviamente, io ho apportato molte modifiche, stravolgendola un po’. Sostanzialmente, insomma, è rimasta l’idea! 😉

Ho preparato una pastella senza farina, a base di mandorle e uova. Come dolcificante, ho usato l’agave. Inoltre, c’è pochissimo olio. Insomma, una torta a basso indice glicemico, senza glutine e senza latticini, dal sapore delicato di mele (mi raccomando, che siano buone e saporite, altrimenti il dolce non sarà buono) e dalla consistenza morbida, scioglievole, quasi un dolce al cucchiaio.

Fate attenzione quando estraete la Torta di mele invisibile dalla teglia: è molto delicata e fragile, proprio perché non c’è farina.

Ora vi lascio alla ricetta della Torta di mele invisibile, senza glutine, senza latticini e sugarfree, adatta a celiaci e intolleranti…perchè Senza è buono!

Torta di mele invisibile

Torta di mele invisibile

Dosi per una tortiera da 20 cm di diametro

Cosa serve?

  • 5-6 mele saporite, possibilmente renette (975 grammi al netto degli scarti)
  • succo di un limone
  • 70 grammi di farina di mandorle finissima
  • 50 grammi di agave (oppure acero o miele: in questo caso, l’indice glicemico sarà maggiore)
  • 10 grammi di olio di riso o di mais bio
  • 2 uova biologiche grandi
  • 10 grammi di polvere lievitante già dosata e composta da cremor tartaro e bicarbonato
  • scorza di limone biologico

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

Per la pastella della Torta di mele invisibile

Rompete le uova in una ciotola ampia (dovrà contenere in seguito tutte le mele) aggiungete il dolcificante scelto e montate con le fruste elettriche o in planetaria per qualche minuto finché il composto non sarà gonfio e spumoso. Unite la scorza di limone e l’olio e continuate a montare. A questo punto, abbandonate le fruste o la planetaria e aggiungete la farina di mandorle finissima e la polvere lievitante setacciata e, con l’aiuto di un cucchiaio di legno, mescolate con movimenti dal basso verso l’alto senza smontare il composto.

Prepara le mele

Sbucciate le mele e, con l’aiuto di una mandolina, riducetele a fettine sottilissime e irroratele con il succo di limone. Facendo sempre attenzione a non smontare il composto,  aggiungete le mele (con tutto il succo) alla pastella, lasciandone una parte per decorare la superficie della Torta di mele invisibile.

Cottura della Torta di mele invisibile

Accendete il forno a 180 gradi.

Ungete una teglia tonda (la mia era da 20 cm di diametro) oppure foderatela con carta da forno. Versate l’impasto e decorate con le mele che avrete tenuto da parte. Cuocete la Torta di mele invisibile per 40 minuti. Controllate la cottura dopo i primi 20 minuti: se vi accorgete che la superficie si scurisce un po’ troppo copritela con alluminio e procedete con la cottura. Fate la prova stecchino. Lasciatela raffreddare completamente, prima di disporla su un piatto da portata (trasferitela molto delicatamente, perchè, data l’assenza di farina, risulta molto fragile)

Conservatela in frigo e consumatela entro 2-3 giorni.

Torta di mele invisibile

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

12 Commenti

  • Rispondi
    ipasticciditerry
    9 maggio 2016 a 13:33

    Ho fatto qualcosa di simile, nel senso di tante mele legate con poca farina e uova, non sono brava come te a togliere ingredienti, tu sei una vera maestra. Tesoro anche io sono molto riflessiva ma non lo considero un difetto.Pensare e ripensare prima di agire, anche a costo di flagellarmi, fa parte anche del mio DNA ma mi accetto per quello che sono e pace. Del resto se si tratta di decisioni importanti è saggio e giusto pensarci bene, prima di agire o fare del male a qualcuno.
    Buon inizio di settimana tesoro

    • Rispondi
      Senza è Buono
      9 maggio 2016 a 16:07

      Grazie Terry <3 addirittura maestra! Sei troppo dolce!Io mi diverto, sperimento e quando non sono pasticci, fotografo e pubblico 😉
      Per il resto, sapevo di trovare in te un'alleata: le anime simili si percepiscono a distanza 😉 Un abbraccio grandissimo!

  • Rispondi
    zia Consu
    9 maggio 2016 a 16:34

    Leggendo questo post mi rendo conto di quanto siamo simili e proprio oggi parlavo di questa “leggerezza” anche nel mio blog…
    Fantastica anche la torta, l’avevo provata quest’inverno e me ne sono subito innamorata…la tua è superiore in qualità di ingredienti ed estetica, complimenti Leti. Un forte abbraccio <3

    • Rispondi
      Senza è Buono
      10 maggio 2016 a 19:45

      Esattamente, cara Consuelo! Ci siamo confrontate sulla stessa tematica, incredibile! 😀 Grazie per i complimenti, sei sempre tanto cara! Un abbraccio, Leti

  • Rispondi
    Sonia
    9 maggio 2016 a 18:54

    ehhh ma deve essere buonissima!!! che originale questa ricetta! brava tu che l’hai resa più sana! bacioni e evviva la leggerezza!!

    • Rispondi
      Senza è Buono
      10 maggio 2016 a 19:44

      Grazie cara <3 qui amiamo le torte di mele e questa è speciale 🙂 Baci!

  • Rispondi
    manuela
    11 maggio 2016 a 10:09

    Vorrei tanto anch’io vivere con più leggerezza… sicuramente sarebbe più sano, come questa meravigliosa torta! un abbraccio

    • Rispondi
      Senza è Buono
      11 maggio 2016 a 20:27

      Grazie! Sì, ci vorrebbe molta più leggerezza! 😉

  • Rispondi
    maria bruna zanini
    18 maggio 2016 a 16:14

    Complimentiii bellissime ricette e spiegate benissimo! Vorrei aggiungermi hai tuoi sostenitori ma non sò dove!
    Ciaooo e a presto

    • Rispondi
      Senza è Buono
      19 maggio 2016 a 8:46

      Ciao Maria! Benvenuta 🙂 grazie per i complimenti, mi fanno molto piacere! Per seguirmi puoi iscriverti alla newsletter (trovi il link sulla barra destra): una volta al mese riceverai sulla tua mail le mie ricette più golose. Un abbraccio, Leti

  • Rispondi
    Claudia
    19 ottobre 2016 a 11:48

    Carissima!
    si può fare senza uova?
    🙂

    • Rispondi
      Senza è buono
      19 ottobre 2016 a 12:50

      Ciao Claudia <3 puoi provare con centocinquanta ml di aquafaba -acqua di governo dei ceci montata come se fosse albume-, forse verrà un po' più bassa, ma buona lo stesso, fammi sapereee baciotti

    Rispondi

    - Disclaimer -

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

    Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.