Un nuovo ingrediente da scoprire

Parlare dell’avena con un celiaco è come attraversare un campo minato: questo cereale viene ritenuto non adatto all’alimentazione gluten free.

Per anni i ricercatori ci sono andati cauti, come la stessa AIC, L’associazione Italiana Celiachia, perchè l’avena di per sè non contiene glutine, ma spesso viene trattata insieme ad altri cereali ed è vittima della contaminazione. Inoltre, contiene una proteina, l’avenina, che è molto simile alla gliadina e forse questa sua caratteristica ha indotto a pensare che fosse tossica per i celiaci. Al riguardo, vi rimando all’interessante articolo di Gaia, la Gaia Celiaca, pubblicato sul portale Gluten free Travel & Living,  e a quello di Simonetta Nepi, entrambi molto precisi e dettagliati.

In sostanza, gli studiosi sono giunti ad una conclusione: l’avena è ben tollerata dai celiaci, se certificata gluten free. Dunque, se siete celiaci e volete provare l’avena, testandola su di voi, attenzione a questa caratteristica: spiga barrata o dicitura “senza glutine” sono la vera sicurezza.

Purtroppo, qui in Italia ancora non siamo molto fan dell’avena, eppure, ha moltissime proprietà benefiche e, per le sue caratteristiche nutrizionali, è particolarmente consigliata per i celiaci, che spesso vanno incontro a picchi glicemici determinati dai cibi gluten free, ricchi di amidi.

Avena: alleata contro colesterolo, stress e gastrite

Perchè mangiare avena? Intanto perchè contiene betaglucano, una fibra che noi non assorbiamo ma che è in grado di intrappolare il colesterolo.

Questo cereale, inoltre, è ottimo per coloro che seguono una dieta vegana, perché è ricco di lisina, una sostanza che aiuta ad assumere amminoacidi essenziali, utili per la formazione delle proteine. Non solo. Secondo alcuni studi, l’avena contiene sostanze naturalmente antinfiammatorie.

Grazie alla presenza delle vitamine del gruppo B e di minerali come calcio e fosforo, è una perfetta alleata per il sistema nervoso, grazie al suo effetto tonificante ed energizzante, quindi se soffrite di stress e cali di attenzione, consumate avena!

Questo cereale, infine, è facilmente digeribile, quindi adatto anche a chi soffre di gastrite. Contiene pochi glucidi, di conseguenza, può essere consumata anche da chi soffre di diabete.

Infine, a differenza di altri cereali, l’avena, anche se lavorata, conserva crusca e germe, dove si trovano i più importanti nutrienti.

La mia ricetta vegan e senza glutine

Devo dirvi la verità: sottoforma di cereale, mangio spesso l’avena, perchè non sono celiaca, e non mi dà alcun problema anche se non certificata. E mi piace mangiarla soprattutto d’estate: è ottima insieme ad altri cereali, verdure e legumi, come insalata fresca. Ma sottoforma di fiocchi, non l’avevo mai acquistata.

Poi, ho pensato che, in effetti, questa è la versione migliore per preparare un dolcetto da portarsi dietro in palestra, dopo un duro allenamento, oppure una soluzione per una colazione/merenda semplice, adatta anche ai bimbi. Così sono nate le mie Strawberry oat bars : semplici barrette con pochissimi sani ingredienti, facili e veloci da realizzare.

strawberry-oat-bars-3-1

Non contengono farina nè lievito, niente zuccheri raffinati. Sono tanta buona frutta. E avena. Provatele!

Ora vi lascio alla ricetta delle Strawberry oat bars vegan, senza glutine, senza soia, senza lievito, adatte a celiaci, vegani e intolleranti...perchè Senza è buono!

 Strawberry oat bars vegan e senza glutine

strawberry-oat-bars-2-1-1

Cosa serve?

  • 160 grammi di fiocchi integrali di avena certificati senza glutine (reperibile negli shop on line)
  • 200 grammi di banana
  • 60 ml di sciroppo di acero (o agave o miele bio se non siete vegani)

Per la marmellata di fragole senza zuccheri aggiunti**:

  • 200 grammi di fragole mature
  • 125 grammi di mela
  • 180 gr di acqua naturale

* In caso di celiachia tutti gli ingredienti a rischio devono essere certificati senza glutine

** In altre stagioni, potete sostituire la marmellata di fragole con marmellata di ciliegie, pesche o albicocche. In inverno, provate le barrette con marmellata di pere o arance 🙂

Come si fa?

Per prima cosa, preparate la marmellata di fragole, lavando sotto l’acqua corrente le fragole. Eliminate la parte superiore e tagliatele a pezzetti. Pulite e tagliate anche la mela. Mettete entrambe in un pentolino con l’acqua e lasciate cuocere per almeno 40 minuti a fuoco bassissimo. Lasciate raffreddare e frullate.

Per le Strawberry oat bars

Accendete il forno e regolatelo a una temperatura di 180 gradi. Foderate uno stampo da plumcake con carta da forno (oppure uno stampo quadrato 20×20 cm).

inserite 80 grammi di avena certificata senza glutine in un mixer e frullate fino ad ottenere una farina finissima. Versate in una ciotola e aggiungete anche gli altri 80 grammi di fiocchi, le banane ridotte in purea e il dolcificante scelto. Mescolate e trasferite 2/3 del composto nello stampo, coprite con uno strato di marmellata (non mettetela tutta, la dose è abbondante!), rimanendo a circa un centimetro dai bordi e ricoprite con il resto dell’impasto, distribuendolo in modo uniforme. Cuocete le Strawberry oat bars per 20 minuti. Lasciate raffreddare e tagliate a piacere.

strawberry-oat-bars-1-1

 Le mie barrette preparate da Cristina (una mia fan affezionatissima) e portate a un matrimonio…sono piaciute anche allo chef 🙂

barrette-avena

creative wordpress theme

Commenti (13)

  • Adoro l’avena, e l’ho usata tanto prima di aver problemi con la celiachia, ora purtroppo non riesco a trovarne, come dici anche tu, di garantita. Che marca hai usato? posso arrischiare a comperarla? Mi manca e anche i biscotti che preparavo.con i fiocchi. Ha davvero una marcia in più. Buoni i tuoi snack, appena posso approfitto della ricetta. Grazie Ciao Stefania

    Tra monti, mari e gravine

    Rispondi
    • Ciao Stefania 🙂 se sei celiaca, come ho scritto sul post, devi acquistarla solo garantita senza glutine e credo che tu possa trovarla unicamente nei negozi on line. Dalle mie parti, non l’ho mai trovata certificata neppure nei negozi biologici più forniti, però puoi provare nei negozi specializzati per celiaci o nelle farmacie. Inoltre, ho sentito che la Schar ha creato dei biscotti all’avena. Non so quali ingredienti sono presenti, potresti cercarli e leggere cosa contengono. Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Fai bene a spiegare tutto così dettagliatamente. io non son celiaca e non posso capire fino in fondo tutte le loro problematiche.. ma è bene specificare tutto! Queste barrette devono essere deliziose.. io ho provato i fiocchi di avena tempo fa.. e mi son piaciuti!!!! baci e buon lunedì 😀

    Rispondi
    • Vero, Claudia, con la celiachia, poi, non si scherza. Prova queste barrette, vedrai che ti piaceranno 🙂 sono molto veloci da preparare e sono perfette come snack sano 🙂 un abbraccio!

      Rispondi
  • L’avena è stata una delle mie più recenti scoperte. La provai in tempi insospettabili sottoforma di farina e non mi piacque x niente. I fiocchi e i chicchi, invece, li adoro 🙂
    Non serve nemmeno dirti che queste barrette sono invintantissime e incontrano perfettamente i miei gusti 😛

    Rispondi
    • Consu <3 immaginavo che ti sarebbero piaciute le mie barrette: sono semplici, golose e sazianti. A me piace molto questo cereale, è davvero ottimo anche dal punto di vista nutrizionale 🙂 un abbraccio

      Rispondi
  • Io la mangio spesso anche in fiocchi e mi piace un sacco, soprattutto a colazione nel latte o nello yogurt e nei biscotti! Queste barrette sono speciali, da provare al volo!! Un abbraccio!!

    Rispondi
    • Grazie Silvia <3 anche io amo l'avena e l'ho appena provata sottoforma di porridge...deliziosa! Un abbraccio

      Rispondi
  • ma quante ne sai?? che belle queste barrette!! standing ovations…. bacioni

    Rispondi
    • Grazie Sonia <3 è grazie anche a voi e al vostro portale se sono così informata ^.^ un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Bellissime queste barrette, è un po’ che voglio farle, io l’ho trovata da Mamey (di un produttore inglese, piuttosto cara e nemmeno erogabile).
    io adoro l’avena, ha un sapore unico, e secondo me può dare tanto ai prodotti senza glutine. Come nel caso delle tue barrette, che immagino squisite.
    Grazie per aver fatto riferimento ai nostri articoli!!!

    Rispondi
    • Carissima, anche io adoro l’avena, è ricca di proprietà e ha un sapore meraviglioso 🙂 grazie a te e a tutti voi per aver scritto articoli così utili e interessanti! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
    • Grazie Gaia! Anche io adoro l’avena, non solo per il suo sapore delizioso, ma anche per le sue proprietà, peccato che si trovi raramente certificata senza glutine, almeno qui in Italia.
      Grazie a tutti voi e a te per aver scritto l’articolo! Un abbraccio, Leti

      Rispondi