Neruda, l’Ode al pomodoro e… una ricetta senza glutine e vegan

pomodoro

Non ancora lo sapete, ma una delle mie passioni più grandi è la poesia. E mai avrei pensato che quest’ultima, in qualche modo, si sarebbe potuta incontrare con l’altra mia passione che conoscete bene, il cibo sano. Ma poi ho “scoperto” (diversi anno fa) un poeta che con i suoi versi mi ha fatto ricredere. Pablo Neruda aveva un dono che pochi poeti posseggono: è capace di “dipingere” con le parole. E quando ho letto questa poesia sono rimasta folgorata.

A quanto pare, anche il celebre poeta cileno amava i pomodori, esattamente come me: li mangio in ogni “salsa”! Crudi, conditi solo con olio, sale e basilico, oppure in insalata, con carote e rucola, o sottoforma di passata o di polpa per condire la pasta, ma anche sulla pizza e sulla finta pizza… d’estate faccio il “pieno”  di quelli freschi, d’inverno divoro quelli secchi…insomma, datemi un pomodoro e mi farete felice! 🙂

Vista la mia passione per questo ortaggio, Manuela ed io abbiamo pensato di introdurlo nella nostra raccolta mensile,
L’orto del bimbo intollerante
raccolta luglio. Ovviamente, in accordo con la mia socia, tocca a me proporre una ricetta fuori gara a base, appunto, di pomodoro!

Sin da subito, la mia idea era quella di proporvi una ricetta veloce e fresca, vista l’afa di questi giorni! Mi sono messa a pensare e mi sono concentrata soprattutto sull’intolleranza di questo mese, quella al lattosio. I pomodori stanno benissimo con la mozzarella, o con il celebre formaggio spalmabile… in commercio ce ne sono tantissimi con la dicitura “senza lattosio”, ma gli ingredienti lasciano un po’ a desiderare… era dunque giunto il momento di proporre ai bimbi intolleranti (ma anche agli adulti!) un’alternativa sana… e, alla fine, mi sono fatta ispirare dai tanti “sformaggi” che i vegani autoproducono  e adorano mangiare. C’è la mozzarella di soia, o la “ricotta” di tofu, ma io non amo molto la soia per vari motivi. Poi ci sono gli “sformaggi” a base di frutta secca. Ecco, uno di essi mi ha sempre colpito, la crema di anacardi: una specie di “sformaggio” cremoso e spalmabile, simile al più famoso Philadelphia. Quindi ho pensato di sperimentare questo tipo di crema, perfetta per i bimbi, perchè ha un sapore delicato e si presta anche a condire la pasta fredda.

Ovviamente, potete aromatizzare la crema con olive tritate, o basilico, oppure con altre spezie a piacimento… come sempre, largo alla fantasia!

Ecco, quindi, la mia proposta fuori gara senza lattosio a base di pomodoro per “L’orto del bimbo intollerante” di luglio:  pomodorini con crema di anacardi 🙂

Pomodoro con crema di anacardi

Una ricetta fresca e veloce da preparare, perfetta per questo periodo di caldo, ottima come antipasto o finger food, inoltre è senza glutine, vegan e senza soia, quindi adatta a celiaci, vegani e intolleranti a uova, latte e soia… perchè Senza è buono!

Pomodoro con crema di anacardi

Pomodorini con crema di anacardi

Cosa mi serve?

dosi per 2 persone:

  • 20 pomodorini

per la crema:

  • 50 gr di anacardi al naturale (non tostati e non salati) lasciati in ammollo per una notte in acqua
  • 1 cucchiaino di succo di limone bio
  • qualche cucchiaio di acqua
  • sale q.b.

per decorare:

  • basilico fresco

*Se siete celiaci, accertatevi che tutti gli ingredienti a rischio siano certificati senza glutine

Come si fa?

La sera prima mettere in ammollo gli anacardi.

Il giorno successivo, scolarli per bene e metterli nel bicchiere del minipimer, aggiungere il succo di limone, il sale e un paio di cucchiai di acqua. iniziate a frullare. Se il minipimer fa difficoltà, aggiungere ancora un cucchiaio di acqua. Si otterrà una crema che dovrà riposare in frigo per un’ora in un contenitore, possibilmente in vetro.

Nel frattempo, tagliare la sommità dei pomodorini e metterle da parte; scavare la metà da riempire con l’apposito attrezzo o con un cucchiaino, eliminando i semi e lasciarli capovolti per una mezz’oretta, per eliminare l’acqua di vegetazione.

Qualche momento prima di servire, riempire i pomodorini con la crema di anacardi, ricoprire con le sommità messe da parte e decorare con basilico fresco!

Pomodoro con crema di anacardi

Pomodoro con crema di anacardi

Pomodoro con crema di anacardi

creative wordpress theme

Commenti (8)

  • Leti, grazie a questa ricetta ho scoperto un altra cosa che ci accomuna…la poesia! E poprio Neruda è uno dei miei autori preferiti…tant’è che le sue poesie hanno fatto da “sottofondo” al mio matrimonio. E la tua ricetta poi è superlativa, divina! Grazie per la proposta, ci proverò di sicuro!!! 🙂

    Rispondi
    • Ciao Welda!!! Ma dai!!!! Davvero!!! Un matrimonio con Neruda come filo conduttore…magnifico!!! Cmq era proprio destino! Dovevamo per forza incontrarci in questo pazzo mondo virtuale!!! 🙂 Grazie a te per la visita! Un abbraccio forte! 🙂

      Rispondi
  • Amica mia… nelle tante telefonate intercorse tra noi, non abbiamo mai avuto modo di parlare della poesia: una mia grande passione e Pablo Neruda è il mio scrittore preferito!
    siamo veramente due anime affini!!!!
    La ricetta è grandiosa, semplice, fresca, facile e buona! Questa sarà mia!!!!
    baciiiii

    Rispondi
    • Verissimo, Manu! Non abbiamo mai della nostra comune passione per la poesia! Recupereremo! 😉 La ricettina è semplice e veloce…a noi è piaciuta tantissimo! 🙂 baci, Leti

      Rispondi
  • ma quante doti hai? bravissima la mia Leti/poetessa preferita nonché cuoca sopraffina! bacioni

    Rispondi
    • Sonia!!! Mi fai arrossire!!!! Sei troppo cara!!! La ricetta è di una semplicità inaudita!!!! 😉 Un bacione grandissimo! Leti

      Rispondi
  • Oltre alle ricette gustosissime e sane ci delizi con la poesia ….. Sei meravigliosa Leti, grazie mille!!!
    Questi pomodori sono semplici, veloci e la crema 100% light! 🙂

    Rispondi
    • Dolcissima Ilaria!!!! Grazie a te!!!! Eh sì, di questi tempi la voglia di mettersi ai fornelli è davvero poca!!! Meglio queste ricettine veloci e fresche!! 🙂
      Un abbraccio forte forte, Leti

      Rispondi