Plumcake zucca e cioccolato senza glutine senza burro con Agave Fabbri

Capire quello che le persone hanno nel cuore. Capirlo prima di tutti.

E a volte hai paura. Perchè arrivi prima alla fine di una strada. Sai bene come andrà a finire. E soffri di più, perchè speri non sarà così. Speri di sbagliarti. Speri di non rimanere delusa.

Capire ciò che è meglio per te stessa. Non sempre ci riesci. Tranne quando si parla di dolci 😉

Degustabox del mese: agave senza glutine bio Fabbri

Se mi seguite da un po’, sapete che non utilizzo mai zucchero bianco nelle mie ricette, perchè raffinato. Preferisco prediligere altri tipi di dolcificanti, che presentano anche proprietà nutrizionali. Vi ho già parlato in passato dei dolcificanti alternativi e di come sostituire lo zucchero bianco nei dolci.

Dunque, anche questa volta, ho scelto un dolcificante alternativo, lo sciroppo di agave Fabbri1905 certificato senza glutine, che ho trovato nella Degustabox di questo mese, insieme al tè verde Lipton, con cui ho preparato i biscotti al tè vegan senza glutine.

Se ancora non conoscete Degustabox, vi spiego subito di cosa si tratta: è una food box in abbonamento che ogni mese arriva comodamente a casa e che contiene tra i 12 e i 15 prodotti novità, alcuni anche senza glutine. Vi invito a provarla, approfittando di uno sconto vantaggioso: la riceverete a 9,90 euro invece di 15, se al momento dell’acquisto inserirete il codice

6S7N3

Se cercate il tag degustabox sul blog, troverete tutte le ricette che fino ad ora ho preparato con i prodotti della box 🙂

Ma torniamo allo sciroppo di agave del marchio Fabbri1905. L‘azienda propone prodotti dedicati alla pasticceria, che potete trovare sul sito La pasticceria di Fabbri. Molti sono i prodotti senza glutine golosi e utili in cucina, come il preparato lievitante vegano e senza glutine e i topping, tutti senza glutine(date uno sguardo, rimarrete stupite per la varietà di gusti!). Lo sciroppo di agave fa parte proprio di questa categoria di prodotti.

Se ancora non lo conoscete e non lo avete mai utilizzato nelle vostre ricette, continuate con la lettura 🙂

Sciroppo di agave: proprietà nutrizionali e curiosità

Lo sciroppo di agave, detto anche succo di agave viene ricavato da una pianta grassa originaria del Messico, l’Agave Tequiliana Weber. Le foglie di questa pianta presentano una linfa che viene estratta, filtrata e scaldata, per ottenere un liquido denso e dolce simile al miele.

Questo dolcificante di origine naturale era conosciuto persino dagli Aztechi ed è dotato di grandi proprietà nutrizionali:

  • alleato dell’intestino, perchè in grado di mantenere in buona salute la flora batterica, anche grazie alle fibre contenute;
  • ricco di sali minerali, in particolare di magnesio, potassio, calcio, quindi è consigliato anche a chi segue un regime alimentare vegano;
  • ricco di vitamine, che contribuiscono a rinforzare le difese immunitarie;
  • ha un indice glicemico più basso dello zucchero e un potere dolcificante maggiore, nei dolci, quindi, ne basterà una quantità inferiore.

Dove comprare lo sciroppo di agave? Oggi si trova non solo online e nei negozi biologici, ma anche nei supermercati più forniti.

C’è da sottolineare che, come ogni altro cibo, è bene non abusarne: si tratta sempre di un dolcificante, che contiene una grande quantità di fruttosio. Nell’ambito di una dieta bilanciata, la scelta migliore è sempre quella di variare, alternando l’agave con gli altri dolcificanti non raffinati.

Sciroppo di agave: come usarlo nei dolci

Lo sciroppo di agave può essere utilizzato non solo come toping per waffle e crepes e per preparare dolci da forno ma anche per dolcificare bevande come infusi e tè, soprattutto grazie al suo sapore neutro privo di retrogusto, a differenza della stevia, dal gusto fresco (simile alla menta) e dello zucchero di cocco, dal sapore di caramello. Il vantaggio principale è anche quello legato al suo potere dolcificante, superiore ad altri dolcificanti integrali. 75 grammi di sciroppo di agave sostituiscono perfettamente 100 grammi di zucchero bianco.

Sul blog potete trovare molte ricette a base di sciroppo di agave, come i biscotti con farina di quinoa senza burro e senza glutine, la torta pere e cioccolato vegan senza glutine e la torta veloce senza glutine e senza burro.

La mia ricetta senza glutine con sciroppo di agave

Oltre allo sciroppo di agave, protagonista della ricetta di oggi sono zucca e cioccolato:

Plumcale marmorizzato senza glutine senza lattosio

 

Ho già usato la zucca cruda nell’impasto di una torta: la ricetta risale a qualche anno fa ed è tra le più buone mai fatte 🙂 per questo, anche oggi ho scelto di non utilizzare la purea di zucca già cotta, ma zucca cruda frullata.

Una sola farina, quella di riso, poi uova, lievito, olio e cacao. Un po’ di cioccolato fondente e il dolce è pronto da cuocere. Io ho mescolato tutto in planetaria e poi infornato 🙂 Pochi semplici ingredienti che tutti abbiamo in casa, e poi la zucca, vera protagonista della stagione. Provate questo dolce senza glutine, non ve ne pentirete!

Ora vi lascio alla ricetta del Plumcake zucca e cioccolato senza glutine e senza lattosio…perchè Senza è buono 🙂

Plumcake zucca e cioccolato senza glutine senza burro

Plumcake con agave zucca e cioccolato

Ingredienti* per preparare 2 plumcake zucca e cioccolato di grandezza media

(i miei stampi sono 15,5 x8,5 x 5) oppure per uno grande:

  • 250 gr di zucca pesata cruda
  • 3 uova grandi
  • 50 ml di olio di riso o di mais
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato per dolci (oppure 5 gr di cremor tartaro e 5 gr di bicarbonato)
  • 200 gr di farina di riso
  • 80 gr di agave bio Fabbri senza glutine

Per l’impasto al cacao:

  • 15 gr di cacao amaro in polvere
  • cioccolato fondente tritato o gocce di cioccolato q.b.

Per decorare:

  • cioccolato fondente tritato o gocce di cioccolato q.b.

* in caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio devono essere certificati senza glutine

Procedimento per preparare il plumcake zucca e cioccolato

Frullate la zucca cruda con l’olio, fino ad ottenere una purea. Mettete da parte. Tritate il cioccolato fondente.

Sgusciate le uova in una ciotola, unite l’agave e montate con le fruste elettriche o con la planetaria.Unite la puirea di zucca precedentemente frullata con l’olio e continuate a montare. Aggiungete la farina a cucchiaiate, lasciando lavorare le fruste. Aggiungete anche il lievito. Dividete a metà l’impasto, versandolo in un’altra ciotola. Aggiungete il cacao setacciato a uno dei due impasti e mescolate con un cucchiaio. Aggiungete anche una parte del cioccolato o le gocce di cioccolato.

Preriscaldate il forno a 180 gradi.

Foderate gli stampini con la carta da forno e versate l’impasto chiaro a cucchiaiate, intervallandolo con quello scuro. Decorate con gocce di cioccolato o con cioccolato tritato.

Infornate a 180 gradi per 20-25 minuti. Verificate la cottura con uno stecchino. Se dovesse uscire umido, prolungate la cottura di altri 10 minuti.

Lasciate raffreddare i plumcake negli stampini. Una volta freddi, disponeteli su un piatto da portata.

Consigli e varianti:

conservate i plumcake in frigo e consumateli entro 3-4 giorni. potete omettere il cioccolato. Potete omettere il cacao e realizzarli di un solo colore.

Potete aromatizzare l’impasto con scorza di arancia bio.

Plumcake zucca e cioccolato senza glutine senza burro ricetta

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

2 Commenti

  • Rispondi
    Samanta Ricci
    18 novembre 2018 a 20:34

    Mi pare che nella ricetta del plum cake alla zucca e cioccolato non sia stato inserito il passaggio nel quale si spiega quando aggiungere la zucca frullata con l’olio. Sbaglio?

    • Rispondi
      Senza è buono
      18 novembre 2018 a 23:40

      Grazie mille! Ho corretto e aggiunto 🙂 Un abbraccio grande

    Rispondi

    - Disclaimer -

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001

    Le ricette e le fotografie di questo blog sono di proprietà esclusiva dell'autrice, salvo ove indicato. È vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti sopra citati senza l'autorizzazione fornita dall'autore stesso.