Leggerezza e semplicità…anche a tavola

…E anche Carnevale è terminato. Addio fritti golosi, addio castagnole e cicerchiata…inizia il periodo della leggerezza.

Secondo la tradizione, il mercoledì delle ceneri (oggi) dovrebbe essere giorno di digiuno, soprattutto dalla carne. Niente dolci, largo spazio a verdure, frutta e ortaggi di stagione. Ma anche semi oleosi e frutta secca. E così dovrebbe essere durante tutto il periodo della Quaresima, fino a Pasqua.

Questo giorno dovrebbe, in teoria, anche indurre le persone a riflettere sulla caducità della vita.

A me non serve un giorno specifico per realizzare quanto sia breve la nostra esistenza e quanto sia importante godere di ogni attimo. Siamo delicate e fragili foglie al vento, in ogni attimo possiamo essere sradicate e portate via. Credetemi, il mio non è pessimismo. Forse sono un po’ fatalista, questo sì. Per questo mi impegno a vivere ogni attimo. E non perdo tempo dietro inutili angosce, pensieri negativi o, ancora peggio, rancori. Non servono a nulla. Nè servono le discussioni. Converrete con me che è molto meglio godersi la compagnia delle persone care e degli amici, di coloro che ci stanno accanto con semplicità e infinita dolcezza.

In ogni caso, fede o non fede, ogni tanto ci vuole un periodo detox, qualche giorno durante il quale mangiare più leggero, per disintossicare il fegato dai fritti e sentirsi meglio. A me capita di sentirmi appesantita in certi periodi… quando succede, salto la cena, ma non del tutto: un bel centrifugato di frutta e verdura fresca e il giorno successivo riparto più leggera che mai.

Ultimamente, faccio il pieno di carote. Mi piace molto il loro sapore dolce, la consistenza croccante. Ottime nei dolci, secondo me si sposano a meraviglia con un ortaggio di questa stagione: la zucca.

In origine, la carota, conosciuta anche da Greci e Romani per le sue molteplici proprietà, non era di quel bel colore arancione, ma era viola, bianca o gialla. Poi nel 1720 gli olandesi, per celebrare la dinastia degli Orange, decisero di cambiarle colore, operando degli innesti.

Il suo colore attuale, rende la carota ricca di betacarotene, amica di occhi e pelle. Inoltre, è fonte di fibre, quindi è depurativa, ma anche cicatrizzante e rimineralizzante. Secondo la filosofia macrobiotica, questo ortaggio, che in realtà è una radice, è fortificante e ha un’azione antiacida.

Alla luce di tutte queste proprietà, non potevo non usarla per un piatto che vi stupirà, per i colori e per la leggerezza:

Pasta di fagioli neri con crema di carote e polvere di pistacchi

La pasta che vedete non è pasta al carbone vegetale, è pasta di fagioli neri. Ed esiste certificata senza glutine, ovviamente.

Ormai conoscete la mia passione per i legumi . Da quando li ho scoperti sotto forma di pasta, non posso più farne a meno. Mangiando senza glutine, infatti, esistono molte alternative, per carità, però spesso si abusa di amidi e questo non va bene, soprattutto per il giro vita (anche se io cerco sempre di acquistare pasta integrale gluten free e spesso preparo cereali in chicco che sono i migliori dal punto di vista nutrizionale). E allora, perchè non concedersi un buon piatto di pasta di fagioli, condita con una deliziosa crema di carote e semi di girasole?

In realtà, siamo poco abituati a mangiare semi oleosi, ma dovete sapere che i semi di girasole sono poco calorici, inoltre hanno un elevato contenuto di vitamine (B1, B2, B6, A, D ed E), sali minerali come magnesio, ferro, zinco e rame e acidi grassi, che combattono colesterolo e diabete. Ricchi di fibre, sono consigliati nelle diete ipocaloriche, per l’aumento del senso di sazietà. Allora, vi ho convinte a provare i semi di girasole? 😉

Nello specifico, ho frullato le carote crude con questi semini preziosi, un pizzico di sale e olio evo di ottima qualità. E poi, ho decorato il piatto con pistacchi tritati, altra frutta secca ottima per il nostro benessere. Non cuocendo le carote, farete il pieno delle sue magnifiche proprietà e soprattutto potrete mangiare un piatto di pasta senza sensi di colpa 🙂

Ora vi lascio alla ricetta della pasta di fagioli con crema di carote e polvere di pistacchi, un primo piatto senza glutine e vegan adatto a celiaci e intolleranti… perchè Senza è buono!

Pasta di fagioli neri con crema di carote e polvere di pistacchi

Pasta di fagioli neri con crema di carote e polvere di pistacchi

Cosa mi serve?

Ingredienti per una persona:

  • 80 gr di pasta di fagioli neri ( per me Probios, biologica e certificata senza glutine)
  • 90 gr di carote pulite
  • aghi di rosmarino fresco
  • 2 cucchiai di olio evo biologico
  • 20 gr di semi di girasole
  • un cucchiaio di acqua
  • sale integrale q.b.

per decorare:

  • granella di pistacchi

* In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio di contaminazione devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

Preparate la crema di carote: dopo averle pulite, tagliatele a tocchetti e inseritele nel mixer, insieme ai semi di girasole, al rosmarino tritato finemente, al sale e all’olio. Frullate alla massima potenza, fino ad ottenere una crema. Eventualmente, aiutatevi con un cucchiaio di acqua.

Mettete a bollire abbondante acqua salata in una pentola, buttate la pasta di fagioli e lasciatela cuocere per 8-10 minuti (così è indicato nella confezione). La pasta di fagioli ha retto benissimo la cottura, è rimasta al dente e non si è spezzata, quindi direi che è promossa a pieni voti!

A questo punto, procedete a impiattare. Io ho messo un coppapasta al centro del piatto. Alla base ho spalmato un po’ di crema di carote, poi ho inserito la pasta di fagioli e, infine, ancora crema di carote. Ho estratto il coppapasta e decorato con granella di pistacchi. Un piatto facile, veloce, leggero e gustoso 🙂

Pasta di fagioli neri con crema di carote e polvere di pistacchi

Pasta di fagioli neri con crema di carote e polvere di pistacchi

creative wordpress theme

Commenti (4)

  • Questo piatto ha un bellissimo impatto cromatico da lasciare senza parole! Golosissimi abbinamenti e anche se da me siamo ancora in periodo di Carnevale, io preferisco di gran lunga questa leggerezza 🙂
    Bravissima Leti e felice giornata <3

    Rispondi
    • Grazie Consu! Mi piace giocare con i colori e le consistenze 😀 Un abbraccio!

      Rispondi
  • Che bel piatto hai fatto Leti, colorato, allegro e molto molto salubre. Direi che, seppur inconsciamente, seguo senza problemi i tuoi consigli sull’alimentazione saba ed equilibrata. io adoro i semi e in casa mia le verdure, sono l’alimento principale dei miei piatti. Io non ho problemi di intolleranze o allergie – almeno alimentare, grazie al cielo – semplicemente mangio quello che più mi piace. Ottimo suggerimento.

    Rispondi
    • Ottimo cara! La sana alimentazione è il primo passo per stare bene. L’importante è mangiare di tutto, variando il più possibile. Un abbraccio grande grande 🙂

      Rispondi