Un panino per non pensare…

Ultimamente, percepisco la precarietà dell’esistenza. Vi è mai capitato?

Ci sono periodi nei quali ci siamo costruiti la nostra serenità e respiriamo la tranquillità di questo istante. Viviamo nel nostro cantuccio, nel quale ci sentiamo al sicuro da ogni tempesta. Ogni cosa va per il verso giusto. Assaporiamo il momento, ne percepiamo l’essenza dolce, a tratti stucchevole. Ma siamo consapevoli di una realtà concreta: sappiamo che non durerà.

E infatti, ad un tratto, senza alcun preavviso, la tempesta arriva e butta giù il nostro castello. Dalle fondamenta. E ricominciare è dura.

Come possiamo rendere la nostra esistenza più “solida” e al riparo dalle difficoltà? Non si può. La vita è un susseguirsi di eventi che non possiamo controllare. Questa è la verità.

Possiamo decidere il colore di un vestito da indossare, o il libro che vogliamo leggere la sera, prima di andare a dormire. Ma non siamo padroni degli eventi. Almeno non completamente. 

Ecco, quando mi assalgono questi pensieri un po’ tristi, lo sapete, mi butto in cucina. Di solito, una delle preparazioni, che riesce a calmare le mie ansie, è la pasta fatta in casa. Mi piace percepire tra le dita lo spessore della farina e impastare, dando sfogo alla mia fantasia. Ma ultimamente, mi piace molto preparare pizze, pane e focacce, come quella ripiena o quella alla birra, sempre con l’aiuto del mio lievito madre senza glutine.

Oggi è la volta del pane senza glutine. Anzi, dei panini da hamburger buoni buoni.

Panini da hamburger vegan e senza glutine

Per prepararli, mi sono avvalsa di una farina che ho già utilizzato in passato per il pull apart bread (un pane dolce super soffice). Si tratta di un mix che non contiene zucchero o altri ingredienti particolari e che a mio parere, ha una buona tenuta. Ovviamente, “va aiutato”.

Potete utilizzare anche un altro mix per pane (esistono mix che contengono farine integrali senza glutine e zucchero di canna, ad esempio), in ogni caso, vi raccomando sempre di leggere gli ingredienti in esso contenuti. Per aiutarvi a capire meglio, leggete questo interessante articolo che ho scovato per voi sul mio portale preferito, quello delle ragazze del Gluten free Travel & Living.

Ma torniamo a noi. Sicuramente sapete che le farine senza glutine sono deboli, non hanno il cosiddetto reticolo glutinico. Per questo, l’alveolatura tipica del pane non può essere raggiunta con le sole farine naturali (e a volte, secondo me, neppure dai mix, a meno che non sia presente il frumento deglutinato).

Io ho scelto di aggiungere xantano e psillio, due addensanti naturali, che aiutano nella resa finale.

I panini da hamburger solitamente contengono latte e burro, i miei, ovviamente, sono privi di colesterolo e senza latticini. Ho semplicemente sostituito il burro con l’olio e  il latte vaccino con quello di mandorla non dolcificato (potete utilizzare anche una bevanda di soia non aromatizzata, se non avete problemi con la soia…ma mi raccomando, che sia biologica e di origine italiana). Il risultato? Panini da hamburger morbidi, profumati e dal sapore delicato. A noi sono piaciuti molto.

Ora vi lascio alla ricetta dei panini da hamburger con lievito madre senza glutine e vegan, adatti a celiaci, vegani e intolleranti…perchè Senza è buono!

Panini da hamburger vegan e senza glutine

Panini da hamburger vegan e senza glutine

Cosa serve?

  • 250 grammi di farina senza glutine per pane e pizza Farabella (amido di mais, farina di riso, inulina) (o quello che preferite, ma leggete sempre l’etichetta)
  • 10 grammi di xantano in polvere
  • 6 grammi di psillio
  • 100 gr di lievito madre senza glutine (oppure 10 grammi di lievito di birra**)
  • 2 cucchiai di sciroppo di riso o miele di acacia se non siete vegani
  • 200 ml di latte di mandorla non dolcificato (o soia non dolcificato)
  • 4 cucchiai di olio evo
  • un pizzico di sale integrale

Per decorare

  • latte di mandorla o di soia
  • semi di papavero
  • semi di sesamo

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

La sera prima, sciogliete il lievito madre in 100 ml di latte e due cucchiai di sciroppo di riso. Lasciate riposare per qualche istante. Aggiungete l’olio evo e la farina miscelata con lo xantano e la polvere di psillio. Mescolate e aggiungete gli altri 100 ml di latte un po’ alla volta, fino a formare un impasto morbido. Aggiungete anche il sale. Lavorate a mano (ungetevi leggermente le mani) o con la planetaria per un paio di minuti. Coprite con un panno pulito e mettete a lievitare tutta la notte.

Il giorno successivo: le pieghe

Il giorno successivo, riprendete l’impasto, sgonfiatelo delicatamente e mettetelo su un piano infarinato per realizzate le pieghe, con la tecnica del folding: date all’impasto la forma rettangolare e portate il lembo superiore su se stesso, arrivando a metà. Poi girate a 90 gradi e procedete allo stesso modo. Procedete per altre tre, quattro pieghe. Rimettete l’impasto in una ciotola spennellata con un po’ di olio evo e lasciatelo lievitare per altre 2 ore.

Preparate i panini da hamburger

Dividete la pasta in tante palline del peso di 100 grammi, modellatele, facendo pirlare l’impasto e disponete i panini da hamburger su una teglia ricoperta di carta da forno. Lasciate lievitare per altre due ore, o fino a quando non saranno cresciuti di volume.

Cottura dei panini da hamburger

Accendete il forno e portatelo a una temperatura di 200 gradi. Spennellate i panini da hamburger con un po’ di latte, decorate con i semini e infornate per 15-20 minuti. Controllate che i panini non si colorino troppo.

**Se volete utilizzare il lievito di birra, i tempi di lievitazione saranno molto più brevi: dopo aver impastato, basterà far riposare la pasta per un paio di ore, poi realizzate le pieghe e calcolate un altro riposo di un paio di ore. Infine, dopo aver modellato i panini, dovrete lasciarli lievitare quasi fino al raddoppio del volume. A questo punto potete cuocerli in forno 🙂

Panini da hamburger vegan e senza glutine

creative wordpress theme

Commenti (14)

  • sono meravigliosi!! bravissima cara, bacioni

    Rispondi
    • Grazie carissima! Detto da te, vale in doppio <3 Un abbraccio

      Rispondi
      • ma anche no! panini così belli mai fatti finora!! <3

        Rispondi
        • Dolce Sonia <3

          Rispondi
  • Mi dispiace tantissimo x questo stato d’animo ed il riflettere, sviscerare le situazioni ed i problemi, denota la tua personalità sincera e genuina..vedrai che splenderà presto il sole, te lo meriti!
    Ottimi i tuoi panini e se penso che sono senza glutine non posso che inchinarmi alla tua bravura 🙂

    Rispondi
    • Consu so che tu puoi capirmi…a volte, però, dovrei pensare meno! 😉
      Per i panini, che bel complimento! Detto da te, poi, che sei bravissima a panificare, ha un valore immenso <3 un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Ciao! Ti seguo già da un pò e volevo dirti che apprezzo molto la tua bravura e la tua creatività in cucina!
    I tuoi panini per hamburger sono bellissimi e mi piacerebbe tanto realizzarli per i miei bimbi che sono allergici sia al glutine che ai latticini.
    Quello che non so è dove trovare lo xantano e psillio :O tu dove li acquisti?
    Comunque ancora complimenti, amo le tue ricette e quella dei muffin di ceci con cioccolato e noci sarà una delle prossime che proverò 😀
    Buona giornata!

    Rispondi
    • Ciao Melangy e benvenuta 🙂 grazie per i complimenti, fanno sempre molto piacere!
      Veniamo alla tua domanda. Io ho aggiunto xantano e psillio perchè il preparato che ho utilizzato aveva bisogno di un aiutino in più, infatti è costituito unicamente da farine naturali miscelate ad arte: i panini non vengono cotti in teglia quindi si sarebbero potuti “sedere”. Avevo bisogno di un “collante”, e ho scelto questi due prodotti in polvere. Ovviamente, se non utilizzi lo stesso preparato che ho usato io, non avrai bisogno di psillio e xantano, perchè solitamente sono contenuti già nei mix. Personalmente, ti consiglio di scegliere mix con farine integrali biologiche che sono ottimi e non contengono ingredienti poco salutari.Leggi sempre le etichette!
      Se utilizzi lo stesso preparato che ho usato io, allora dovrai procurarti psillio e xantano.
      Per quanto riguarda lo xantano, puoi trovarlo sia on line che nelle farmacie più fornite. Se i tuoi bimbi sono celiaci, controlla sempre che sia certificato senza glutine. Per lo psillio, io l’ho trovato on line, ma credo che, ordinandolo in farmacia, te lo faranno arrivare. Anche qui, stesso discorso della certificazione. Costano un po’ ma durano una vita entrambi, perchè per ogni impasto ne utilizzerai una piccola quantità. Solitamente, questi due prodotti si usano con le farine naturali, per preparare pane e pasta frolla, ovvero per tutti gli impasti che hanno, appunto, bisogno di solidità e sostegno.
      Fammi sapere! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Che splendidi panini, ti copio la ricetta. Dopo aver fatto il lievito madre- scusa non ti ho ancora detto che sono riuscìta a farlo seguendo i tuoi consigli e ci produco regolarmente il pane – ora mi cimenterò con i tuoi panini. Grazie per la bella ricetta. Ciao Stefania

    Tra monti, mari e gravine

    Rispondi
    • Ma come sono felice! Sei riuscita a produrre il lievito madre! Bravissima 🙂 il merito comunque è anche della mitica Sonia, senza di lei, neppure io sarei riuscita! Un abbraccio Stefania e grazie di cuore. Leti

      Rispondi
  • Si, mi capita eccome … a volte la vita è davvero strana e mille pensieri negativi mi assalgono. Devo dire che con il tempo, ho imparato a controllare questi momenti e a guardare di più alle cose belle che ho intorno. Non è fare lo struzzo ma tanto pensarci e farmi rodere dal tarlo dell’instabilità e incertezza, non serve a niente. Le situazioni non cambiano. Non possiamo cambiare la situazione mondiale da soli … Se mi segui sul mio blog, saprai le mille avventure e peripezie che abbiamo passato, io e mio marito. La crisi e la mancanza di lavoro, si sono abbattute su di noi e non è facile alla nostra età, uscirne. Tante delusioni e mortificazioni per arrivare a sbarcare il lunario, in modo dignitoso e onesto. Discorsi molto complicati che è meglio lasciare da parte. Veniamo invece a questi meravigliosi panini, molto simili almeno in apparenza, a quelli postati da me ieri. Io non so per quale motivo tu segua un regime alimentare “senza”, se per salute e necessità, oppure per una scelta. Però devo dirti che ti ammiro, perchè riesci a ottenere dei risultati strepitosi! Buon fine settimana Leti, un abbraccio. Vado a leggermi l’altro articolo

    Rispondi
    • Ti capisco molto bene, Terry! Ho molti amici senza lavoro, altri che lo hanno perso all’improvviso e che hanno dovuto ricominciare a cercare, con mille difficoltà… posso solo immaginare quando capita a persone adulte…è tutto ancora più complesso.
      Per la questione dell’alimentazione, per me è stata un po’ una necessità, un po’ una scelta per la salute. E ti ringrazio per le tue parole, sei sempre molto dolce e cara con me <3 un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Io sono sicurissima di aver commentato ma non vedo più il mio commento …

    Rispondi
    • Trovato Terry! Questo blog ogni tanto mi fa gli scherzi! Un abbraccio, Leti

      Rispondi