Un “dolce” giro per il mondo

Esiste un dolce che ha fatto letteralmente il giro del mondo e ha radici antichissime. Eppure, nessuno (o quasi) lo sospetta. E oggi è diventato addirittura uno dei simboli della cucina americana.

L’uomo primitivo sapeva prepararle e persino poeti dell’Antica Grecia ne parlarono nelle loro opere, chiamandole taganites, dal nome del tegame nel quale venivano cotti. Erano semplici focaccine a base di farina e olio di oliva, cosparse di miele e arricchite di formaggio.

Nella Roma Imperiale erano le Alita Dolcia: latte, farina uova e spezie creavano insieme una sinfonia di sapori riservata unicamente ai ricchi. E dal Medioevo in poi, questo dolce iniziò ad essere diffuso in tutta Europa e ad essere protagonista delle colazioni di molti popoli. In seguito alla scoperta dell’America, qualunque europeo si recasse nel Nuovo Mondo, portava con sè le proprie tradizioni culinarie ed ecco che questo dolce arrivò anche lì e venne molto apprezzato, diventando parte della tradizione americana.

Avete intuito di cosa si tratta? Io credo di sì! Sono proprio loro, i pancake 🙂 La ricetta originale americana prevede l’impiego di burro, farina, latte, uova, lievito e zucchero. E vanno accompagnati da sciroppo di acero, marmellata e burro di arachidi. Esiste anche la versione salata, con bacon, uova e burro.

Ovviamente, qui troverete una ricetta con qualche “senza”, che però non fa rimpiangere affatto quella originale. E’ un dolce che io trovo molto versatile perchè può essere arricchito da mille spezie e da frutta fresca nell’impasto e poi è pratico, soprattutto in questi giorni di caldo.

Tra l’altro, mi è capitato spesso, ultimamente, di non avere la colazione pronta per il giorno successivo…e allora, che si fa? Semplice: si improvvisa. Si apre la dispensa e si passano in rassegna le farine, fino a scegliere quella (o quelle) che ci piace di più. Se poi non ci sono neppure le uova, si preparano i Pancake vegan e senza glutine 🙂 Con pochi passaggi, in 10 minuti, possiamo preparare una colazione ricca di gusto, di fibre e bilanciata.

Pancake vegan senza glutine sugar free

Tra gli ingredienti dei Pancake vegan senza glutine troverete un nuovo ingresso: i semi di lino. Io li uso spesso in cucina, tritati sopra l’insalata sono ottimi e fanno molto bene all’intestino, inoltre sono ricchi di omega3. In questo caso, mescolati all’acqua, sostituiscono perfettamente le uova.  

E poi, niente lievito chimico, nè burro. E, ovviamente, niente zucchero, per dei Pancake vegan e senza glutine salutari, da concedersi soprattutto quando abbiamo bisogno di energie per affrontare la giornata.

Dimenticavo! Sul blog trovate anche un’altra ricetta di pancake, in versione senza farina e senza latticini.

Ora vi lascio alla ricetta dei Pancake vegan senza glutine e sugar free, adatti a celiaci, vegani e intolleranti…perchè Senza è buono!

Pancake vegan, senza glutine e sugar free

Pancake vegan senza glutine sugar free

Cosa serve?

  • 1 cucchiaio di semi di lino ridotti in farina sottilissima**
  • 3 cucchiai di acqua naturale
  • 100 grammi di farina di grano saraceno integrale biologica (io uso questa che è ottima)
  • 90 grammi di farina di riso integrale biologica (io uso questa che è ottima) oppure sorgo integrale
  • 5 grammi di polvere lievitante già dosata e composta da cremor tartaro e bicarbonato (oppure lievito vanigliato per dolci)
  • 2-3 cucchiai di agave (o acero o sciroppo di riso oppure miele se non siete vegani)
  • succo e scorza di un limone bio
  • latte vegetale o acqua q.b.
  • lamponi freschi q.b.
  • olio evo per la padella (se necessario)

per decorare:

  • lamponi freschi
  • banane
  • sciroppo di acero o agave (o miele se non siete vegani)

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio di contaminazione devono essere certificati senza glutine

**Acqua e semi di lino tritati servono per sostituire l’uovo, hanno la funzione di “collante”

Come si fa?

Versate i semi di lino tritati in un bicchiere, aggiungete acqua e lasciate riposare per qualche minuto.

Setacciate in una ciotola la farina di grano saraceno e quella di riso con la polvere lievitante, unite il dolcificante scelto, il succo e la scorza di limone, i semi di lino ammollati nell’acqua e il latte vegetale poco alla volta, mescolando, fino a raggiungere la consistenza di una pastella non liquida, ma sostenuta (non deve essere come l’impasto delle crepes, per intenderci, ma più densa e consistente). Aggiungete i lamponi sciacquati e asciugati delicatamente e mescolate. Lasciate riposare per 10 minuti.

Cottura dei Pancake vegan senza glutine

Riscaldate una padella sul gas, ungetela se necessario (la mia è in pietra quindi non ha bisogno di olio), una volta diventata rovente, versate qualche cucchiaio di pastella. Formate i pancake e lasciateli cuocere per un paio di minuti. Quando vedrete le bollicine sulla superficie, girateli con l’aiuto di una paletta in silicone (per non rigare la padella). Continuate fino ad esaurimento della pastella.

Distribuite i Pancake vegan senza glutine su due piatti da portata, impilandoli e  decorando con lamponi, banane a rondelle e sciroppo di acero o agave.

Accompagnate i Pancake  vegan e gluten free con un ottimo caffè (di cicoria per me) o con un delizioso cappuccino vegetale 🙂

Pancake vegan senza glutine sugar free

creative wordpress theme

Commenti (10)

  • Feci anche io in passato dei pancakes senza uova e senza burro.. I tuoi son decisamente golosi.. La foto mette voglia di addentarne un pezzo… Un abbraccione e buon lunedì :-*

    Rispondi
    • Dovrò cercare la tua ricettina, cara Claudia! Sicuramente anche la tua versione deve essere deliziosa! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Io li adoro i pan cake e li faccio spesso, anche in versione salata. Mi piace questa tua versione “senza”, sempre sani e golosi. Mi sono gustata anche la cheese cake alle ciliegie, che mi era scappata. Buona settimana Leti

    Rispondi
    • Non ho ancora provato i pancake in versione salata…dovrò rimediare! Baci Terry!

      Rispondi
  • Ci credi che non ho mai provato a fare i pancakes??? credo di averli solo assaggiati una volta con lo sciroppo d’acero, giusto x curiosità e x emulare le colazioni di Paperino 🙂
    La tua versione salutare mi sta facendo l’occhiolino..

    Rispondi
    • Consu! Se non hai mai provato a preparare i pancake, devi rimediare! Sono buonissimi e veloci da preparare 🙂 un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • ok ci proverò… una domanda Leti: il ghee non lo usi mai, o sono io che nn l’ho mai visto nelle tue ricette?
    Credo sia un ingrediente che cercherò di introdurre presto nella mia dieta, visto che è privo di lattosio e anche caseina.
    ciau

    Rispondi
    • Carissima, non uso il ghee ( e non l’ho mai usato nelle mie ricette) perchè è burro, certo, privo di lattosio, ma comunque deriva dal burro. Ho letto che contiene molte proprietà e vitamine, sicuramente è un prodotto interessante, da testare su se stessi. Io in questo momento, per un piccolo problemino, sto seguendo indicazioni alimentari di un medico (serio!) che pratica Medicina tradizionale cinese e lui mi ha esplicitamente vietato i latticini di qualsiasi genere (anche delattosati), insieme allo zucchero…vedremo! Tu fammi sapere come ti sei trovata con il ghee e cosa ci hai preparato 🙂

      Rispondi
      • si anche io seguo una dieta severa senza latticini e formaggi ormai da 2 anni, per un’intolleranza severa al lattosio, e altri “problemini” sparsi, ma credo che nel ghee restino solo i grassi. Certo sono di origine animale, ma io non posso permettermi di essere vegetariana. E so che il ghee è usato dagli intolleranti. A me non lo hanno vietato nemmeno nel resoconto del mineralogramma, mentre latticini e formaggi sono vietati tutti. Ed è riportato sotto la voce “olii e grassi”. Ovviamente tu avrai i tuoi motivi, era solo una curiosità. In bocca al lupo per la cura di medicina cinese 🙂
        Ciao Leti

        Rispondi
        • Capisco Elisa 🙂 sì è vero, il ghee è utilizzato anche dagli intolleranti e poi è pieno di proprietà, quindi se per te non è tra gli alimenti vietati, perchè negartelo? Sono d’accordo con te 🙂 per il resto, speriamo bene, sto sperimentando giorno per giorno la dieta e spero di avere risultati! Un abbraccio grande grande

          Rispondi