L’ultima ricetta dell’anno: ancora Panettone ma senza farina e senza lievito

Domani ci lasceremo un altro anno alle spalle.

Questo 2016 sarebbe potuto andar meglio? Forse. Avremmo potuto agire in modo diverso? Operare scelte alternative? Probabilmente sì. Ma alla fine di questo anno, allo scoccare della mezzanotte, vestiamoci con il nostro migliore sorriso e pensiamo di aver fatto tutto ciò che era in nostro potere. Sicuramente, di fronte alle difficoltà, non ci siamo arrese, abbiamo combattuto quando è stato necessario e abbiamo vissuto attimi di felicità. Parlo della felicità semplice, quella vissuta accanto alle persone che amiamo. Quella dei piccoli gesti, degli abbracci.

Io non dimenticherò mai l’ultimo compleanno del nonno. L’ultimo sorriso che mi ha regalato. L’ultima poesia che ha scritto. Non dimenticherò le parole di consolazione di un’amica, seppur virtuale e mai incontrata di persona, nè l’affetto che voi mi dimostrate ogni giorno.

Questo anno mi ha regalato davvero tantoun nuovo amico, che sto imparando a conoscere, una nuova avventura, della quale vi ho parlato in questo post, nuove esperienze lavorative entusiasmanti e piene di soddisfazione e un nuovo blog, creato interamente dalla mia sorellina. Non posso che essere grata di tutto questo. Custodirò nel cuore ogni singola emozione che mi darà forza per affrontare questo nuovo anno.

Dall’altro lato, se guardo altrove, durante questo 2016 ho lasciato andare persone che non mi andavano a genio e mi sono sentita più leggera, una volta scrollate via queste zavorre. Questo anno mi ha anche privato di alcuni pezzi della mia vita. Ed è proprio grazie a queste mancanze che sono cresciuta, seppure con dolore e sofferenza. Ho subìto un abbandono immotivato, ma ho avuto il coraggio di esprimere i miei pensieri sulla questione e di chiudere completamente. E’ stata una liberazione. Non amo tenere le situazioni in sospeso, lo sapete.

E quindi, in questo nuovo anno, non abbiate mai, e dico mai, paura  di dire la vostra. Non rimanete in silenzio, perché esso vi divorerà. Cercate di migliorarvi, di amarvi un po’ di più. Abbiate il coraggio di sbagliare. Afferrate il cambiamento e affrontatelo, senza timori. Io ci proverò. Sono questi i miei buoni propositi.

E con questi pensieri, voglio regalarvi la mia ultima ricetta dell’anno. Una ricetta pensata per chi ha problemi con il lievito madre e con il lievito di birra. Dopo il Panettone a lievitazione naturale, quindi, ho pensato di preparare questo Panettone senza farina in versione mini, perfetto da servire come dessert per chiudere in bellezza il cenone di Capodanno, anche perchè è decorato con glassa al cioccolato, la solita che rimane bella lucida  e con chicchi di melagrana, che, si dice, portano fortuna 😀

Mini panettone senza farina e senza lievito

L’effetto è sicuramente scenografico, per un dolce semplicissimo e veloce da preparare. Potrete anche realizzare dei fermaposto con questi panettoncini: basterà un fiocco rosso e un bigliettino da pinzare dove avrete scritto il nome del commensale. Confezionatelo con carta trasparente. A fine cena, ogni ospite potrà portarlo a casa, o gustarlo tra una tombolata e l’altra.

Con il mini Panettone senza farina, senza lievito e senza latticini partecipo al  100% Gluten free (fri) Day:

Gluten-Free-friDay-3

Ora vi lascio alla ricetta del Mini panettone senza farina, senza latticini, senza lievito e senza zuccheri raffinati, adatto a celiaci e a intolleranti…perchè Senza è buono 😀

Mini panettone senza farina

 

Mini panettone senza farina e senza lievito

Cosa serve?*

Dosi per 4 mini panettoni senza farina da 100  grammi

  • 250  grammi di farina di mandorle [per me farina di mandorle  Sma-li]
  • 3 uova grandi bio
  • 40 grammi di olio di cocco Sma-li o di riso
  • 40 grammi di farina di semi di lino Sma-li [opzionale]
  • 1 bustina di polvere lievitante già dosata e composta da cremor tartaro e bicarbonato
  • succo e scorza di 3 arance biologiche
  • 60 grammi di sciroppo di acero o agave [oppure miele di acacia]
  • semi di una bacca di vaniglia
  • 100 grammi di uvetta ammollata in acqua calda e rum

Per decorare:

  • 80 grammi di cioccolato fondente di ottima qualità
  • un goccio di olio di riso
  • chicchi di melagrana

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

Mettete a bagno l’uvetta con acqua calda e rum. Lasciatela ammollare per un’ora.

Rompete le tre uova in una ciotola, unite il dolcificante scelto e montate per qualche minuti, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. unite l’olio di cocco e montate ancora.

In un’altra ciotola mescolate la farina di mandorle con quella di lino, la polvere lievitante, i semi di vaniglia e la scorza delle tre arance.

A questo punto, unite le polveri al composto di uova e continuate a montare. Aggiungete anche il succo di arancia e amalgamate per bene. Infine, strizzate l’uvetta e aggiungetela all’impasto.

Cottura del mini Panettone senza farina

Accendete il forno e regolatelo a una temperatura di 170 gradi.

Disponete i pirottini per panettone su una teglia. Distribuite il composto nei pirottini  e lasciate cuocere per 40- 45 minuti.

Estraete dal forno e lasciate raffreddare.

Spezzettate il cioccolato e versatelo in un pentolino con un goccio di olio. Lasciatelo sciogliere a bagnomaria.

Decorate ogni mini Panettone con la glassa al cioccolato e i chicchi di melagrana. Riponete in frigo a rassodare. Estraete dal frigo mezz’ora prima di servire e decorate con nastrini rossi. o avevo anche dela frolla, che ho ritagliato a forma di stella, ho cotto, glassato e ci ho decorato ogni mini panettone senza farina.

Buon anno a tutti <3

 

Mini panettone senza farina e senza lievito

 

Mini panettone senza farina e senza lievito

 

creative wordpress theme

Commenti (8)

  • …durante le feste, nonostante io adori sempre le tue ricette, e questa sia assolutamente inclusa, la parola “senza” non la fa da padrona sulla mia tavola…
    è tutto un abbondare… certo, poi ne si pagano le conseguenze, quasi mai con esiti positivi… ma al palato, la gioia è davvero immensa!
    ciò detto, in questo anno che finisce, e in quello che finalmente si apre con tutto nuovo da regalare, io ti faccio mille auguri

    Rispondi
    • Eheh, vero, Alice, a Natale è impossibile non abbondare 😀 noi abbiamo optato per un Natale e un Capodanno all’insegna della leggerezza, proprio per venire incontro alle esigenze alimentari di tutti, ma qualcosina ce la siamo concessa 😀 augurissimi anche a te <3

      Rispondi
  • Sono di corsissima.. ma non potevo fermarmi e passare a salutarti.. Ti auguro una bellissima serata per accogliere il 2017 nel modo migliore.. Spero sia ricco di tante belle cose per te!!! un abbraccio e tanti auguri!!!!

    Rispondi
    • Claudia carissima grazie <3 ricambio con affetto <3 grazie per esserci sempre

      Rispondi
  • Grazie Leti, mi sono commossa a leggere le tue parole che hai lasciato da me..si sente il tuo affetto ed è proprio quello di cui ho bisogno in questo momento.
    Auguro un 2017 fantastico anche x te <3 tvb <3

    Rispondi
    • Grazie a te Consu <3 come si fa a non volerti bene <3 un abbraccio dolcissima amica mia

      Rispondi
  • Lo so che noi gli auguri ce li siamo già fatti privatamente ma ho ripresto a gironzolare per i blog-amici e non potevo saltare proprio il tuo: tanti auguri cara Leti e grazie mille per l’affetto che sempre mi dimostri. ♥ Questi panettoncini sono carinissimi! L’idea del melograno poi mi piace un casino. Sottoscrivo ogni tua singola parola, lo sai. Non dobbiamo permettere a nessuno di toglierci l’energia. Meglio tagliare con le persone che ci fanno soffrire. Si guadagna poi con il tempo, in salute e serenità. Immagino sia stato un Natale sottotono per te, senza il tuo amato nonno ma lui da lassù di sicuro vi guardava. Tanti baci e a presto

    Rispondi
    • Carissima Terry, grazie per essere passata…ultimamente ho poco tempo per lasciare commenti in giro ma ti seguo sempre sui social e poi ci siamo fatti un bel saluto provato 😀 comunque, come sempre, tu mi capisci e vai al di là di metafore e parole <3 grazie di cuore a te. Questo Natale è stato triste, non lo nego, ma so che lui ci guarda sempre, insieme a nonna <3 un abbraccio speciale a te

      Rispondi