Crostata lamponi e cioccolato…altro che Bake off!

Quali frutti di bosco preferite? La scelta è piuttosto varia. Ve ne nomino solo alcuni: lamponi, mirtilli e more… bacche deliziose,  ma anche alleate della nostra salute.

I mirtilli sono alleati della vista e del cuore. Le more, oltre a prevenire problemi cardiovascolari, sono particolarmente indicate in gravidanza, perchè contengono acido folico. Infine, i lamponi, con il loro colore rosso squillante, sono ricchi di vitamina C e magnesio e hanno un’azione antinfiammatoria: sono molto utili in caso di dolori mestruali, grazie alle loro proprietà antispasmodiche. Non dobbiamo assolutamente farceli mancare nella nostra alimentazione e dobbiamo approfittare di questo periodo per mangiarne in abbondanza.

Difficile dirvi quali frutti di bosco preferisco io in assoluto. Giorni fa, mamma mi ha riportato diversi cestini di lamponi. Quale scusa migliore per prepararci un dolce? Ho fatto subito un’associazione mentale: lamponi -cioccolato – Bake off UK…sì, proprio la versione inglese della trasmissione di Real time dedicata alla pasticceria… la pubblicità mostra una bellissima torta ai lamponi… dovevo riprodurla anche io, con un unico proposito, quello di stupirvi. Per dimostrarvi che è possibile preparare un dolce da pasticceria non solo vegan, quindi senza uova nè latte (o derivati) ma anche senza glutine e senza soia E se ci riesco io, che sono una vera pasticciona, riuscirete anche voi a prepararlo  ;-D

Si tratta di un dolce “gudurioso”, per coccolarsi un po’ ( e di questi tempi, credetemi, io ne ho un forte bisogno!)  che sembra articolato, ma non lo è affatto.

Vi dicevo, quindi, del dolce della pubblicità di Bake off…io me lo sono immaginato così:

Crostata lamponi e cioccolato

Una base di frolla, una gelatina di lamponi e una ganache al cioccolato e una decorazione semplice, realizzata, appunto, con queste bacche. Insomma, una crostata lamponi e cioccolato. La gelatina avrebbe “isolato” la frolla, che sarebbe rimasta bella croccante e poi una morbida e scioglievole ganache…un attimo… come realizzare la ganache senza panna? Tempo fa, mentre navigavo, mi sono imbattuta in un blog di ricette in lingua inglese, questo. Tra le ricette, una in particolare ha attirato immediatamente la mia attenzione: una torta al cioccolato vegan e senza soia… la blogger in questione utilizzava cioccolato fondente e latte di cocco in lattina. Punto. Non mi rimaneva che provare! E alla fine, mi è andata piuttosto bene 😉 Si tratta di una vera e propria ganache, anche se è senza latte vaccino 😉 Tra l’altro, è anche piuttosto leggera, priva di colesterolo ma il sapore non ne risente affatto…il gusto del cocco non si percepisce, prevale il gusto “pieno” e avvolgente  del cioccolato… pensate che anche mio papà, che è un critico spietato, ha detto, dopo averne divorato una fetta: “Buonissima!” E se lo dice lui… bisogna crederci! Inoltre, ingannerete anche gli onnivori, che non si accorgeranno della differenza! 😉Crostata lamponi e cioccolato

L’unico accorgimento è quello di conservare la crostata lamponi e cioccolato in frigo e di tirarla fuori solo pochi istanti prima di servirla, altrimenti la crema al cioccolato diventa troppo morbida, soprattutto se la temperatura si aggira intorno ai 30°! Ma ormai, il caldo afoso ci ha abbandonato (almeno dalle mie parti!)…quindi, non vi resta che provarla!

Con la crostata lamponi e cioccolato partecipo al mio adorato 100% Gluten Free (fri)Day:

Gluten Free (fri)Day

Ora vi lascio alla ricetta della crostata lamponi e cioccolato, adatta a celiaci, vegani e intolleranti a uova, latte, soia e lievito, perchè Senza è buono!

 

Crostata lamponi e cioccolato senza glutine

Crostata lamponi e cioccolato

Cosa mi serve?

Per la base:

  • 120 gr farina di riso,
  • 100 gr farina di grano saraceno integrale bio
  • 100 gr mandorle ridotte in farina
  • 40 gr di zucchero di cocco o di canna integrale
  • acqua naturale q.b.
  • 40 ml di olio

per la gelatina di lamponi :

  • 2 vaschette di lamponi freschi
  • 2 cucchiai di zucchero di cocco o di canna integrale
  • un cucchiaino di agar agar in polvere

Per la ganache vegan

  • 130 gr di cioccolato fondente al 70% senza lattosio e possibilmente senza zucchero bianco
  • 1 lattina di latte di cocco conservata in frigo per almeno un paio di giorni)

Per decorare:

  • 1 vaschetta di lamponi freschi

* in caso di celiachia, tutti gli ingredienti a rischio di contaminazione devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

Prepara la base: versa in una ciotola le farine setacciate e mescola con un cucchiaio di legno. Aggiungi lo zucchero, l’olio e l’acqua poco alla volta (non ho indicato la quantità precisa, perchè dipende dall’umidità dell’ambiente e dalle farine utilizzate). Impasta finchè non otterrai un impasto liscio e lavorabile, non appiccicoso nè troppo asciutto.  Stendi l’impasto tra due fogli di carta da forno: ritaglia la base e poi i bordi e disponi la frolla ritagliata in una teglia rotonda possibilmente apribile (io ho usato una teglia apribile antiaderente da 20 cm di diametro, ho unto per bene i bordi d’olio e sul fondo ho messo un foglio di carta da forno, per estrarre la base con facilità). Copri la frolla stesa con carta da forno e legumi secchi (così la frolla non crescerà) e cuoci in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti. Estrai la teglia dal forno e lasciala raffreddare.

Nel frattempo, prepara la gelatina di lamponi: sciacqua velocemente i lamponi sotto l’acqua corrente e frullali, poi setacciali per eliminare i semini. Versa la composta così ottenuta in un pentolino, aggiungi lo zucchero e l’agar agar e porta a bollore: lascia cuocere per tre minuti. Versa immediatamente il composto su una teglia rotonda di 18 cm di diametro coperta di carta da forno e lascia rassodare.

Prepara la ganache: apri la lattina del latte di cocco, preleva solo la parte solida (quella liquida si può utilizzare in altre preparazioni dolci, quindi non buttarla via!) e versala in un pentolino insieme al cioccolato fondente ridotto in pezzetti. Sciogli a bagnomaria il composto, mescola con un cucchiaio di legno per amalgamare il cioccolato alla crema di cocco. Lascia intiepidire.

Riprendi la base della crostata, ormai fredda, estraila delicatamente dalla teglia e poggiala su un piatto. Posiziona la gelatina di lamponi ormai rassodata e versa sopra la ganache al cioccolato. Riponi la torta lamponi e cioccolato in frigo a rassodare per almeno tre ore. Decora con i lamponi freschi e conserva in frigo fino al momento di servirla.

—————————————-

Nota. Irene, una mia lettrice qui sul blog, ha realizzato questa crostata con una piccola variante: ha aggiunto more, mirtilli, ribes e fragoline…le è piaciuta tantissimo e ha riscosso un super successo! Insomma, provatela! 🙂

Crostata lamponi e cioccolatoCrostata lamponi e cioccolatoCrostata lamponi e cioccolatoCrostata lamponi e cioccolatoCrostata lamponi e cioccolato

creative wordpress theme

Commenti (16)

  • ma è una cosa troppo goduriosa questa crostata amica mia! ti sei superata e ci credo che papà ne ha divorata una fettona (lo invidio parecchio)! Ha un aspetto meraviglioso e la ganache al cioccolato è venuta da dio. Che dirti di altro… BRAVISSIMA! Ti abbraccio forte forte

    Rispondi
    • Grazie Manu! Questa volta sono davvero soddisfatta per il risultato! 🙂 baci baci

      Rispondi
  • Bellissima davvero, lamponi e cioccolato è l’accoppiata vincente.
    Interessantissima la ganache.
    Brava!
    Buon fine settimana, cara.

    Rispondi
    • Grazie Fabiana!!!! Vero, lamponi e cioccolato è un abbinamento eccezionale…sono rimasta piacevolmente sorpresa!!! 😉 baci baci, Leti

      Rispondi
  • Sì, sì, sì!!!
    Insomma, questa è da rifare! Brava as usual!

    Rispondi
    • Grazie Stefania! 🙂 baci baci, Leti

      Rispondi
  • Non so’ proprio come tu possa essere così brava e fantasiosa….
    Anche se non rientra nei miei gusti (un dolce, troppo dolce, perdonami) lo trovo veramente strepitoso!!!
    La frolla sembra così friabile e giusta, complimenti Leti!!!!

    Rispondi
    • Ciao bella!!! 🙂 grazie per le tue parole! Sono felice che la frolla ti piaccia… comunque credimi, neppure io amo i “dolci troppo dolci” e questo nel complesso non lo è affatto! La gelè è bella aspra, grazie ai lamponi e la ganache ha solo lo zucchero contenuto nel cioccolato fondente, che, se scelto al 70-80 %, è bello amaro (la crema di cocco non è dolcificata)! Insomma, non è un dolce stucchevole, ma equilibrato, una vera esplosione di sapori! 🙂 Grazie per essere passata! Baciotti, leti

      Rispondi
  • Ho scoperto questo sito da pochissimo ed lo trovo stupendo! È la prima volta che mi diletto nei dolci ma ho seguito questa ricetta passo passo (in realtà oltre ai lamponi ho aggiunto more, mirtilli, ribes e fragoline, insomma tutti i frutti di bosco…) ed è venuta la crostata più buona che abbia mai mangiato. Mio marito che è fissato col fisico e normalmente non mangia dolci l’ha divorata. Addirittura mia mamma mi ha chiesto di rifarla per una gara di “torte gluten free” (posso rubartela? Ovviamente, se parteciperò, dirò da dove ho preso la ricetta). Insomma è proprio piaciuta a tutti e ti ringrazio di cuore per questo splendido capolavoro.

    Rispondi
    • Ciao Irene! Benvenuta! 🙂 grazie per le tue bellissime parole, davvero! Mi fanno molto piacere! E sono felice che tu ti sia cimentata proprio in una crostata così buona (qui la mia famiglia ne va letteralmente pazza, ogni volta che la preparo…raramente, perchè dà dipendenza!!!!)… visto che è possibile realizzare un dolce di pasticceria con tanti “senza”? 🙂 Non è poi così difficile! Ora sperimenta anche altre ricette, perchè ti assicuro, non è affatto difficile! 🙂 Ottima la tua variante con frutti di bosco misti! La aggiungo in coda alla ricetta, nominandoti! 😉 Per la gara di torte, non può che farmi piacere la tua partecipazione con una mia creazione! Sono certa che sarà un super successo! E ben venga un po’ di “pubblicità” al mio blog, se ti va! Se hai letto i miei post, sicuramente avrai capito che ho creato il blog non solo per aiutare chi è in difficoltà con le intolleranze, ma anche per diffondere l’idea di un’alimentazione sana (nonostante celiachia e intolleranze)…magari alla gara ci sarà qualcuno interessato alle mie semplicissime ricette! 🙂
      Ti abbraccio forte e aggiornami, se provi altre mie ricette, se hai bisogno di consigli sulla realizzazione e… anche sulla gara, se ti va! Leti

      Rispondi
  • mio Dio ma è golosissimissima…
    non sai che farei per una fetta proprio qui e proprio ora!

    Rispondi
    • Grazie Patalice!!! Piacere di conoscerti!!! Te ne offro virtualmente una fettina 🙂

      Rispondi
  • Che bella ricetta! ! Davvero invitante

    Rispondi
    • Grazie Roberta! Sono felice che ti piaccia! 🙂

      Rispondi
  • Ciao!! Sono Francesca di Foodandnow. Scusa se ti rispondo solo ora ma il tuo preziosissimo commento alla mia crostata era finito malauguratamente nello spam… Oh poverino.. 🙂
    Comunque grazie mille per le tue parole!
    Ne ho bisogno visto che sono decisamente all’inizio…
    Intanto devo dirti che questa crostata è uno splendore!
    Brava!!
    Per il contest, sarò lieta di partecipare (se ne sarò all’altezza visto che sarebbe la mia prima esperienza…) Grazie ancora e complimenti per il tuo blog e per la tua voglia di sperimentare!

    Rispondi
    • Grazie a te Francesca!!! è bello “incontrare” persone con la stessa passione per il cibo sano e genuino! 🙂

      Rispondi