La libertà è… mangiare una Colomba senza glutine e senza latticini

La libertà è una condizione privilegiata. E’ la possibilità di esprimere se stesso, di scegliere, di mettere in dubbio qualsiasi verità.

La liberà non può essere descritta, o afferrata. Non può essere disegnata o racchiusa in aggettivi o parole. Non può essere ingabbiata in semplici concetti. La libertà va soltanto percepita, a pelle. Non offre sicurezze né solide certezze. Non ha confini nè limiti. E’ un bene prezioso, che manca quando svanisce.

La libertà per noi è scontata: non abbiamo dovuto reclamarla. Non abbiamo dovuto lottare per ottenerla. E non siamo in grado di renderci davvero conto di quanto preziosa sia.

Libertà significa poter mangiare qualcosa senza doversi sentire male. Lo possono capire i celiaci e coloro che soffrono di intolleranze alimentari.

Si avvicina la Pasqua e in questa occasione, solitamente, si gustano i dolci della tradizione. Da noi non è Pasqua senza Colomba. Negli anni passati avevo già sperimentato una ricetta con molti senza, una colomba velocissima, senza lievito di birra ma anche senza uova e senza latticini, la Colomba vegan senza glutine. Un dolce buonissimo, che sa proprio di Colomba.

Però, dopo aver preparato con tanto amore il mio lievito madre, ho voluto sperimentare un’altra versione, più articolata. Con le farine naturali, si sa, non sempre è facile preparare lievitati. Questa volta, però, ero sicura della perfetta riuscita perchè la ricetta è della mia amica Monica. Monica di Monica’s Kitchen è, ovviamente, una foodblogger,  Ma non è una delle tante anzi, è una delle poche foodblogger che stimo e che con il tempo è diventata un’amica, ancora virtuale, purtroppo. Ciò che ci accomuna non è soltanto l’amore e la passione per il cibo glutenfree [se darete un’occhiata al suo blog, ve ne accorgerete: i suoi piatti dolci o salati sono sempre uno spettacolo per occhi e palato], ma anche l’onestà, la sincerità, la generosità, l’educazione e a tutto questo aggiungerei anche  l’animo pulito e sensibile: tutte doti che sono difficili da trovare in questo mondo virtuale. Ci siamo messe a chiacchierare, così, un giorno, e da allora non abbiamo più smesso.

E, quindi, mi è parso naturale provare la sua versione della Colomba senza glutine: 

 

Colomba senza glutine senza latticini con farine naturali e lievito madre

 

Io ho realizzato tre colombe da 100 grammi con gocce di cioccolato fondente e una con uvetta da 500 grammi, voi potete scegliere di prepararne una unica da 750.

Ovviamente, ho modificato qualcosina, Monica non se la prenderà a male 😀 ho solo sostituito la farina bianca di riso con quella integrale. Inoltre ho aggiunto inulina, una sostanza naturale derivata dalla cicoria che aggiunge una piccola quantità di fibre alla ricetta di base. E’ inodore ma è molto benefica per l’intestino: riduce i gonfiori e aiuta l’intestino a rimanere in salute. Altra modifica: ho aggiunto farina di lupini, ma se non la trovate, potete sostituirla con farina di ceci o maizena. E poi niente zucchero bianco e niente latte nè burro vaccino.  In ogni caso, ho scritto tutti i passaggi nel dettaglio, quindi non potete sbagliare ^.^ e ovviamente, vi consiglio di dare un’occhiata al blog di Monica: troverete moltissime ricette senza glutine e senza lattosio.

Con la Colomba senza glutine e senza lattosio partecipo al 100% Gluten  free (fri) Day:

Ora vi lascio alla ricetta della Colomba senza glutine, senza latticini e senza zuccheri naturali, preparata con farine naturali e lievito madre… perchè Senza è buono 😀

 

Colomba senza glutine e senza latticini con farine naturali e lievito madre

 

Colomba senza glutine senza latticini con farine naturali e lievito madre

Cosa serve?*

Dosi per una Colomba da circa 750 grammi oppure per una colomba da 500 e tre da 100

Per il I impasto:

  • 70 grammi di farina di riso [per me integrale, ma va bene anche quella bianca, Monica ha utilizzato quella]
  • 20 grammi di amido di tapioca
  • 20 grammi di fecola
  • 20 grammi di lievito madre senza glutine rinfrescato – OPPURE 3 grammi di LIEVITO DI BIRRA
  • 15 grammi di miele di acacia bio
  • 100 ml di acqua naturale a temperatura ambiente

Per il mix aromatico:

  • 40 grammi di miele di acacia bio
  • scorza di 2 arance bio
  • scorza di 1 limone bio
  • i semini di una bacca di vaniglia
  • 10 ml di liquore a scelta [io ho messo limoncello home made, Monica consiglia amaretto]

II impasto:

  • 170 grammi di farina di riso [per me integrale, ma va bene anche quella bianca, Monica ha utilizzato quella]
  • 90 grammi di amido di tapioca
  • 40 grammi di fecola
  • 100 grammi di latte di riso in polvere oppure io ho utilizzato 50 grammi di tapioca, 25 di maizena e 25 di farina di lupino [potete sostituirla con altrettanta farina di ceci o maizena]
  • 150 grammi di lievito madre senza glutine rinfrescato – OPPURE 3 grammi di LIEVITO DI BIRRA
  • 10 grammi di xantano puro in polvere
  • 4 grammi di inulina [aggiunta mia, potete ometterla se non ce l’avete]
  • 15 grammi di miele di acacia bio
  • 130 grammi di zucchero di cocco o di canna integrale
  • 100 ml di olio di riso o di mais bio [o altro olio purchè sia dal gusto delicatissimo]
  • 120 grammi di uova bio intere  [circa due grandi]
  • 30 grammi di tuorlo [uno grande]
  • 70 grammi di latte di mandorle al naturale
  • mix aromatico
  • gocce o pezzetti di cioccolato fondente q.b. oppure uvetta ammollata nel rum per 20 minuti

per la glassa:

  • 50 grammi di albume
  • 50 grammi di farina di mandorle
  • 25 grammi di zucchero a velo [per me miele di acacia bio]
  • granella di zucchero o mandorle con la buccia

*In caso di celiachia, tutti gli ingredienti devono essere certificati senza glutine

Come si fa?

Premessa doverosa: per la ricetta della Colomba senza glutine è necessaria la planetaria. Per alcuni motivi che non sto qui a raccontarvi, quando ho impastato, non avevo a disposizione la planetaria e mi è toccato lavorare tutto a mano… un’impresa titanica che ha messo a dura prova la mia pazienza, ma come vedete, la Colomba è comunque riuscita. Per evitare eventuali maledizioni o imprecazioni [ovviamente scherzo, ma lo dico per farvi capire che faticaa] vi avvero prima, perché l’impasto è davvero morbido e appiccicoso 😀

Decidete voi le tempistiche, ma calcolate che la Colomba senza glutine con LM deve lievitare parecchie ore. Lo steso vale per una preparazione che richiede lievito di birra, perchè le dosi di lievito sono comunque basse, per assicurare una certa leggerezza e digeribilità all’impasto. Io mi sono regolata così:

La mattina precedente, circa 24 ore prima di preparare il secondo impasto, preparate il mix aromatico, proprio come suggerisce Monica: riscaldate dolcemente il miele e poi unite, fuori dal fuoco, la scorza grattugiata finemente di due arance, quella del limone, la vaniglia in semi e il liquore. Lasciate raffreddare e mettete in frigo.

La sera, intorno alle 20, preparate il primo impasto [o biga]:

mescolate le farine in una ciotola. In un’altra mescolate il lievito madre o 3 grammi di lievito di birra con acqua e miele e poi unite le polveri precedentemente mescolate. Si creerà una pastella liquida che andrà fatta riposare in forno, coperta con un panno per tutta la notte.

La mattina successiva, ore 8:30: preparate il secondo impasto. Ma prima decidete se volete preparare una Colomba senza glutine con uvetta o cioccolato. Nel primo caso, metterete a bagno l’uvetta nel rum, nel secondo caso, potete tagliare a pezzetti il cioccolato fondente o utilizzare gocce di cioccolato.

Sciogliete il lievito madre rinfrescato nel latte [oppure gli altri 3 grammi di lievito di birra previsti nel II impasto], aggiungete il miele e mescolate. Versate nella ciotola della planetaria le polveri: farina di riso integrale, la tapioca, la fecola, il latte di riso in polvere oppure maizena, altra tapioca e farina di lupino o ceci, unite lo xantano, l’inulina [se ce l’avete] e mescolate. Aggiungete lo zucchero, il lievito madre sciolto, le uova, il primo impasto preparato la sera precedente e il mix aromatico e iniziate a impastare con l’aiuto della planetaria. Unite l’olio a filo e lasciate lavorare la planetaria. Unite le gocce di cioccolato, oppure l’uvetta ammollata e strizzata e distribuite per bene nell’impasto. Io ho deciso di dividere l’impasto e di aggiungere a una parte l’uvetta e all’altra il cioccolato.

A questo punto, ungete con olio di riso la superficie di un tagliere e procedete alla realizzazione della Colomba senza glutine. Io ho deciso di realizzare una colomba da 500 grammi con uvetta e tre colombe più piccole da 100 grammi. Quindi, prelevate una parte di impasto e create il corpo centrale, poi allo stesso modo create le ali e trasferite con delicatezza nello stampo di carta.

Se disponete dei classici spiedini da pasticceria in acciaio, che possano andare in forno, vi consiglio di infilzare subito la Colomba, in modo tale che poi non avrete difficoltà a girarla appena tolta in forno [dovrà riposare per qualche ora a testa in giù, proprio come si fa con il Panettone senza glutine]

Lasciate lievitare la colomba nel forno spento, aggiungendo all’interno una ciotola con acqua calda, per aumentare l’umidità ed evitare che la superficie si secchi troppo. Lasciatela a nanna per circa 12 ore. Nel caso in cui utilizzate lievito di birra, potrebbero volerci anche 10 ore. Controllate che l’impasto arrivi più o meno al bordo.

Trascorso tale tempo, intorno alle 20,30, preparate la glassa: Monica consiglia di montare a lucido l’albume con lo zucchero, io ho montato con una frusta a mano per qualche minuto, poi ho aggiunto miele e ho incorporato la farina di mandorle, mescolando dal basso verso l’alto. Otterrete un composto morbido e appiccicoso che stenderete con l’aiuto di un pennello da cucina, sulla superficie della Colomba senza glutine. Decorate con mandorle o con granella di zucchero.

Accendete il forno con la colomba all’interno e regolatelo a una temperatura di 160 gradi, forno statico. Lasciate cuocere la Colomba senza glutine per 50 minuti. Estraetela dal forno e, se non l’avete fatto prima, infilzatela con spiedini in legno o in acciaio e lasciatela riposare a testa in giù finché non si sarà completamente raffreddata.

Conservate la Colomba senza glutine  in un sacchetto di plastica per alimenti. Se dovesse perdere la sua morbidezza, riscaldatela per qualche istante a fette nel forno e servitela tiepida. Io ho anche congelato alcune fette, così da averla a disposizione la mattina bella soffice come appena fatta.

Colomba senza glutine senza latticini con farine naturali e lievito madre

 

Colomba senza glutine senza latticini con farine naturali e lievito madre

 

Ecco la Colomba senza glutine all’uvetta:

 

Colomba senza glutine senza latticini con farine naturali e lievito madre

 

Provatela e fatemi sapere :-* Grazie a Monica per la sua splendida ricetta ^.^

creative wordpress theme

Commenti (2)

  • Tesoro ❤
    Non immagini quanto mi faccia piacere vedere una mia ricetta ripresa da te e personalizzata! Sono felicissima che ti sia piaciuta.
    Grazie per le splendide parole. Anche io in te ho trovato una persona genuina e davvero in gamba. Ti stimo molto e lo sai.
    Grazie ancora tesoro 😘

    Rispondi
    • Tesorino mio <3 grazie a te per l'affetto che mi dimostri sempre e grazie per questa super ricettina <3 a Pasqua ti penseremo 😀 un abbraccio, Leti

      Rispondi