Il ciambellone di Adelaide senza glutine per il Gluten Free (fri)Day!

ciambellone-senza-glutine-senza-latte

Di sicuro conoscerete il celeberrimo ciambellone più soffice del mondo di Adelaide, fatto, rifatto e osannato da migliaia di blogger. La prima volta, diversi anni fa, l’ho visto pubblicato su un forum di cucina e le foto stesse parlavano da sole: un ciambellone soffice, alto, con mille varianti e soprattutto senza lattosio… ebbene, da allora, l’ho preparato talmente tante volte, che conosco a memoria gli ingredienti! E vi assicuro che qui sparisce in un batter d’occhio per quanto è buono! Non ho mai potuto appurare se rimane soffice per giorni 😉

ciambellone-senza-glutine-senza-latteMa chi è l’inventrice di questa delizia? Si chiama Adelaide Melles e la sua è una storia meravigliosa. Dal suo blog, Diario di una passione, si può leggere la biografia: Adelaide inizia a postare ricette on line durante un periodo particolare della sua vita, ovvero dopo essersi trasferita in una nuova città con il marito. Grazie alla sua grandissima passione per la cucina, inizia a frequentare una miriade di corsi per migliorare la tecnica; in seguito, diventa protagonista di trasmissioni televisive su Alice e su Gambero Rosso Channel e scrittrice di libri del settore. Ma la ricetta che l’ha resa davvero celebre è, appunto, il suo ciambellone. Da dove viene? Semplice, dal ricettario di sua madre! Adelaide stessa racconta che, dopo aver letto gli ingredienti del “ciambellone soffice”, è rimasta colpita dalla presenza dell’acqua. In seguito, lo ha preparato, seguendo alla lettera le indicazioni della sua mamma, lo ha provato e ha capito che era davvero il più soffice che avesse mai realizzato (e rimaneva tale anche molti giorni dopo)! Così lo ha fatto conoscere, tramite il suo blog, ed è iniziato un vero tam tam…
Ma veniamo alla ricetta. In origine, essa prevedeva la farina 00. Io l’ho sostituita con le farine naturalmente prive di glutine, o meglio, con un mix tutto mio che oggi voglio condividere con voi. Un’altra sostituzione è lo zucchero: niente zuccheri raffinati, io ho usato dello zucchero di cocco integrale (ma voi potete tranquillamente usare zucchero di canna integrale, o quello che più vi piace). Infine, ho sostituito l’olio di semi con quello di riso (leggi qui il perchè). Comunque, per chiarezza, tra parentesi troverete le mie sostituzioni!

ciambellone-senza-glutine-senza-latte
La mia versione è con le mele a cubetti nell’impasto… squisita! Dunque un ciambellone non solo soffice, ma soprattutto senza lattosio, senza glutine e senza lieviti…perché “Senza è buono”!
Con questa ricetta, partecipo al Gluten Free (fri)Day

Gluten Free (fri)Day

 

Il ciambellone più soffice del mondo di Adelaide senza glutine

Cosa mi serve?
• 250 g di zucchero (a me piace poco dolce: 100 gr di zucchero di cocco integrale o zucchero di canna)
• 250 g di farina (50 gr di mandorle ridotte in farina, 50 gr di fecola certificata sg, 150 gr di farina di riso finissima certificata sg)
• 3 uova (biologiche)
• 130 g di olio di semi o di oliva (130 gr di olio di riso bio)
• 130 g di acqua
• una bustina di lievito per dolci (per me cremor tartaro bio certificato sg)
• scorza grattugiata di un limone bio e un po’ di succo
• 3 mele renette: 2 tagliate a cubetti e 1 a fettine sottili
• un pizzico di sale
• qualche cucchiaio di marmellata di albicocche bio senza zuccheri aggiunti e senza glutine

Come si fa?
Tagliare in una ciotola capiente due mele a cubetti e l’altra a fettine sottili e irrorarle con del succo di limone. Inserire nel robot da cucina (o usare delle fruste elettriche) le tre uova e montarle fino a farle diventare spumose. Aggiungere lo zucchero e continuare a montare, poi l’acqua e l’olio. A questo punto, prendere una spatola e, senza smontare il composto, aggiungere le farine setacciate e mescolate tra di loro, un pizzico di sale, il cremor tartaro, la scorza di limone e le mele tagliate a cubetti. L’impasto si presenterà piuttosto liquido: è così che deve essere! Foderare uno stampo a ciambella con della carta da forno bagnata e strizzata e riempire con l’impasto. Decorare con le fettine di mele e qualche cucchiaio di marmellata di albicocche. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. Controllare la cottura con uno stecchino.

ciambellone-senza-glutine-senza-latte

creative wordpress theme

Commenti (10)

  • Grazie mille Letizia, bellissima la tua versione :))

    Rispondi
    • Grazie mille, Adelaide! Sono felicissima che la mia versione ti sia piaciuta! Detto da te che sei l’autrice di questa meraviglia, ha un enorme valore! E’ un onore averti sul mio piccolissimo blog! Lety

      Rispondi
  • Questo ciambellone lo conosco di fama, ma non l’ho mai provato, ma con le tue modifiche è ancore più speciale!!!
    Bellissima versione!!!

    Rispondi
    • Ciao Stefania!!! Ti ringrazio moltissimo per i complimenti! Devi sapere che “sbircio” spesso il tuo blog: per me è un piacere enorme che tu abbia visitato il mio e che ti sia piaciuta la mia versione del ciambellone! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Sembra davvero mooolto soffice…complimenti!! Lo zucchero di cocco non l’avevamo mai sentito. Lo si trova facilmente o lo acquisti on line??

    Rispondi
    • Ciao! Grazie! 🙂 Infatti questo ciambellone è talmente soffice che…una fetta tira l’altra!!! Per quanto riguarda lo zucchero di cocco, l’ho trovato on line dopo assidue ricerche, perchè non posso assumere zuccheri raffinati! Purtroppo non dolcifica moltissimo, quindi consiglio, a chi non è abituato al “poco dolce” e non ha particolari problemi, di sostituirlo con il più economico (ma ugualmente salutare) zucchero di canna integrale (ovvero quello che ha una consistenza “sabbiosa”)!

      Rispondi
  • Davvero bello ed invitante, poi adoro le mele renette nelle torte, lo devo assolutamente provare!

    Rispondi
    • Grazie cara! Io lo preparo spesso e ogni volta è un successo 🙂 fammi sapere! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Ciao!!! Vorrei provare a fare questo ciambellone…ne sento spesso parlare dalla mamma di un amichetto di mio figlio….ma lui è allergico alle uova…con cosa posso sostituire le uova?
    Grazie mille!

    Rispondi