Un dolce, metafora dell’esistenza

Il sapore amaro del cacao, la consistenza soffice, delicata e “ariosa” e il cuore morbido, candido, dolce e scioglievole di una crema al latte vegetale. In un dolce, ecco una metafora dell’esistenza, che ci fa vivere contrasti continui, sempre in bilico tra emozioni forti e momenti di sconforto. Ridere e piangere, star bene e poi sentirsi tristi. In un istante, tutto può cambiare. Basta una parola, una notizia inaspettata. Un evento improvviso.

È tutto come un’altalena che ci porta in alto per farci ammirare un cielo blu, senza nuvole nè tempesta. L’aria ci sfiora il viso e ci sentiamo leggeri, liberi…poi la forza di gravità ci spinge in basso, prepotentemente. Ma forti braccia ci spingono di nuovo in alto. Su e giù.

Il dolce di oggi è un contrasto non solo di colori, con il nero del cacao e il bianco della crema, ma anche di consistenze. Un ciambellone con cuore morbido, ottimo per la colazione o per una golosa merenda.

Ciambellone con cuore morbido

Da tempo volevo sperimentare un dolce che fosse ripieno senza doverlo per forza tagliare in mezzo 😉 Ho pensato a una crema leggera, senza uova, visto che le uova sono presenti già nell’impasto. E l’ho dolcificata con un miele delicato, biologico, a chilometro zero, un miele speciale che mi è stato regalato da una cara amica.

Il ciambellone con cuore morbido partecipa al mio immacabile appuntamento con il 100% Gluten Free (fri)Day:

Gluten Free (fri)Day

 Ora vi lascio alla ricetta del ciambellone con cuore morbido senza glutine, senza latticini e senza lievito, adatto a celiaci e intolleranti… perchè Senza è buono!

Ciambellone con cuore morbido

Ciambellone con cuore morbido

  • Cosa serve? 
  • 170 grammi di farina di riso finissima
  • 20 grammi di cacao magro in polvere senza zuccheri aggiunti
  • 30 grammi di amido di mais biologico (o fecola di patate)
  • 1/2 bustina di polvere lievitante biologica già dosata e composta da cremor tartaro e bicarbonato
  • 100 grammi di zucchero di cocco  o di canna integrale
  • 120 ml di olio di riso o di mais biologico
  • 3 uova medie biologiche

Per la crema al latte vegetale:

  • 200 ml di latte di mandorla senza zuccheri aggiunti
  • 3 cucchiai di miele di acacia biologico (anche 4 se vi piaciono i sapori più dolci)
  • 20 grammi di fecola di patate

Per decorare (facoltativo):

  • cacao magro in polvere senza zuccheri aggiunti

*In caso di celiachia, accertatevi che tutti gli ingredienti a rischio siano certificati senza glutine

Come si fa?

Preparate la crema al latte vegetale

In un tegamino mescolate la fecola con il miele liquido. Aggiungete il latte vegetale e mescolate con un cucchiaio di legno. Ponete sul fuoco e, mescolando, portate a bollore. Quando avrà raggiunto consistenza, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire, coperta con pellicola senza PVC.

Preparate il ciambellone con cuore morbido

In una ciotola dai bordi alti rompete le tre uova, aggiungete lo zucchero e montate con le fruste elettriche o con la planetaria per qualche minuto, fino ad ottenere un composta spumoso. Unite l’olio a filo e continuate a montare. Abbandonate le fruste e aggiungete le polveri setacciate (la farina di riso, la fecola, il cacao e la polvere lievitante) mescolando con un cucchiaio di legno con movimenti dall’alto verso il basso per non smontare il tutto. Versate metà composto in una teglia per ciambellone (la mia era di 22 centimetri di diametro) spennellata di olio o coperta di carta da forno. Versate la crema al latte vegetale a cucchiaiate e coprite con il restante impasto.

Preriscaldate il forno a 180 gradi e infornate il ciambellone con cuore morbido per 45-50 minuti. Fate la prova stecchino. Lasciate raffreddare e con delicatezza estraete il ciambellone  con cuore morbido dalla teglia. Decorate con una spolverata di cacao amaro.

Ciambellone con cuore morbido

creative wordpress theme

Commenti (10)

  • Mi ritrovo tantissimo in questa metafora della vita, soprattutto in questi giorni di pensieri un po’ grigi…
    Questo dolce è poesia x gli occhi ed il palato, i miei complimenti mai avrei pensato di farcire un dolce senza doverlo tagliare a metà, sei un piccolo genietto ^_^
    Buon we <3

    Rispondi
    • Grazie Consuelo <3 ti capisco benissimo... questa vita è un'altalena! E a volte sei così frastornata da non capire più nulla...ti abbraccio forte forte, Leti

      Rispondi
  • Io sull’altalena oramai ci vivo da un pó di tempo. …. ma con una fetta di questo ciambellone starei sicuramente meglio! Fantastico! Un abbraccio grande grande

    Rispondi
    • Eheh, questa altalena non vuole proprio fermarsi eh?! Capisco bene cosa intendi…e allora, facciamoci consolare da un dolce 😉 Un abbraccio anche a te! Leti

      Rispondi
  • Hai usato una metafora azzeccatissima! La vita è proprio un altalena, che ti fa volare in alto ma ti ributta spesso giù … ma è così, è la vita. Sta a noi goderci il bel paesaggio quando siamo su e attaccarci bene alle corde, quando si va giù. Con il tempo si impara a conviverci e a godere lo stesso delle meraviglia della vita, perchè la vita è comunque meravigliosa, sempre e comunque! Come questo splendido dolce, goloso agli occhi e sicuramente anche al palato. Io mi stupisco sempre di come riusciate a rendere golose le vostre preparazioni. Così davvero “senza” è buono. Bravissima Leti, buon fine settimana, un bacio

    Rispondi
    • Grazie per il tuo pensiero Terry! Proprio come dici tu, dobbiamo goderci il paesaggio quando l’altalena della vita ci porta in alto e poi reggerci forte forte quando inevitabilmente ci porta giù. Dobbiamo prenderla con filosofia. E noi siamo forti, vero?!
      Un abbraccio forte forte cara!

      Rispondi
  • Buonissimo. Da divorare in un boccone.
    Grazie

    Rispondi
    • Grazie dolcissima! Che bel complimento! Un abbraccio, Leti

      Rispondi
  • Buonissimo.
    È riuscito alla perfezione.
    Grazie per averlo condiviso. 😍

    Rispondi
    • Grazie cara <3 un abbraccio, Leti

      Rispondi